Un arresto per la bomba a Limito

Al termine di una indagine durata meno di due settimane, per la bomba a Limito è stato fermato il venticinquenne Roberto Manno, figlio di Francesco e nipote di Alessandro, noti esponenti della ‘ndrangheta locale arrestati nel 2011 e condannati nella operazione “Infinito”.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, il giovane pioltellese avrebbe collocato (o fatto collocare) l’ordigno davanti alla porta del padre di un suo coetaneo ecuadoriano, fuggito all’estero dopo aver ricevuto un prestito dal Manno. Ci sarebbe quindi una faccenda di usura dietro l’esplosione che ha svegliato nella notte la comunità di Limito.

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.