Acqua alla gola? No grazie. Primo risultato in piazza Garibaldi

Il lavoro dei volontari della Piazza ha portato alla prima sperimentazione di contatori individuali per l’acqua. Determinante il sostegno al progetto da parte della Amministrazione Comunale di Pioltello, per l’investimento di Amiacque e la riduzione del debito.

a cura di Paul Poiret

C’era una volta un condominio in Piazza Garibaldi che come tanti aveva problemi con gli insoluti, in particolare con il debito nei confronti di Amiacque, gestore dell’acqua potabile. Il debito era talmente importante che nessuno avrebbe mai scommesso sulla risoluzione del problema, anche perché con il contatore unico la spesa andava divisa tra tutti e siccome qualcuno non pagava in tanti avevano deciso di non pagare più, alcuni amministratori ne avevano anche approfittato per scappare lasciando la situazione del debito senza soluzioni.

Circa 2 anni fa, un gruppo di residenti di questo palazzo decise che era ora di smettere di aspettare una soluzione dall’esterno e si organizzò, cominciò ad installare nelle parti comuni, a proprie spese, tutta la tubazione in modo da potere collegare ogni appartamento ad un suo contatore individuale. Il lavoro fu ben presto realizzato, a dire di tutti alla perfezione e si chiese ad Amiacque se era possibile collegare ogni appartamento come si era pensato. Delle perizie e dei sopralluoghi furono fatti ma il tempo passava e non si capiva il perché del silenzio di tutti.

A novembre del 2017, Amiacque si fece avanti chiedendo di incontrare i residenti del palazzo per esaminare sia la fattibilità del passaggio al contatore unico a 24 contatori individuali, sia la modalità di rimborso del debito pregresso. Determinante la spinta della Amministrazione Comunale, che dal suo insediamento sta seguendo le vicende della Piazza con interventi su rifiuti, illuminazione, videosorveglianza e casi sociali ed educativi e in questa occasione è intervenuta a più livelli su CAP Holding (proprietaria di Amiacque e di cui Pioltello è socio) con un lavoro di tessitura per la condivisione del progetto e la riduzione dl debito. Sono seguiti una decina di incontri che hanno permesso di confrontarsi, di avanzare soluzioni per arrivare ad un accordo.

A novembre 2018, tutti i residenti del palazzo hanno siglato un accordo e firmato un riconoscimento di debito rateizzando il pagamento e Amiacque ha iniziato i lavori per l’istallazione dei contatori individuali che dovrebbero essere conclusi per meta gennaio 2019.
Questa nuova visione del problema dei debiti condominiali offre molti vantaggi e soluzioni che devono fare riflettere:
– Dopo anni e anni di insoluti Amiacque incasserà finalmente dei pagamenti sia per i debiti passati che per le future fatture
– Il condominio è uscito dai debiti e i residenti hanno di nuovo fiducia nelle istituzioni
– Il valore degli appartamenti si modificherà e si spera anche l’aspetto del quartiere
– Si è aperta una nuova visione dei problemi da risolvere: le soluzioni esistono e spesso provengono dai residenti stessi che vanno maggiormente ascoltati
– Tutta la trattativa durata più di un anno non ha avuto nessun costo per la collettività perché sono stati i volontari del condominio a trattare senza intermediario e Amiacque non ha fatto appello ai soliti studi legali.
– Amiacque ha colto l’occasione per sostituire una parte della vecchia tubatura che attraversa la piazza, e sia i contatori nuovi che l’istallazione della tubatura nuova nel condominio dovrebbero permettere di erogare un acqua più sana ai residenti.
– I volontari hanno individuato un modello replicabile negli altri 12 palazzi della piazza e numerosi residenti si sono fatti avanti per iniziare degli incontri con Amiacque per valutare la loro posizione debitoria.

Ovviamente prima di arrivare a questo risultato si sono affrontati molti problemi, molte resistenze da entrambi le parti, la trattativa non è sempre stata facile ma questo risultato dimostra che anche quando tutto sembra perso, anche quando qualcuno parla di quartiere ghetto da rasare al suolo non bisogna mai perdere la pazienza e solo il confronto e la ricerca delle soluzioni sono le vie da perseguire se veramente si vuole arrivare ad un risultato.

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.