Besozza per tutti

Riaperto il ponte ciclopedonale che porta al parco della Besozza. In completamento un nuovo percorso accessibile ai disabili motori per raggiungere il Parco dal parcheggio. Un gioiello restituito alla città.

a cura di Giuseppe Bottasini – Assessore all’Ambiente ed ai Grandi Parchi di Pioltello

Il ponte della Besozza rinnovato ed aperto

Quando nel 2016 ci siamo insediati come nuova Amministrazione di Pioltello, abbiamo trovato il Parco della Besozza chiuso, abbandonato e senza un presidio. In attesa della sua riapertura, per oltre due anni i volontari della Protezione Civile hanno garantito i servizi essenziali.

Oggi è una delle aree più belle della nostra città, che attrae visitatori anche dai Comuni limitrofi per la ricchezza della sua natura e per i molteplici servizi che offre: un’area ricreativa con bar ristorante e bagni accessibili e puliti; aree riservate ai cani ed ai loro padroni; postazioni attrezzate per la ginnastica all’aperto; un grande bosco ripulito e mantenuto; orti sociali per gli anziani.

Oggi il Parco è tornato raggiungibile in piena sicurezza attraverso il ponte ciclopedonale di cui è stata completamente rifatta la pavimentazione in legno, opera che ne ha richiesto la chiusura temporanea per qualche settimana in vent’anni di esercizio.

In questi giorni è in realizzazione un nuovo camminamento per rendere ancora più accessibile il Parco ai disabili motori, agli anziani con difficoltà di deambulazione ed alle mamme e papà coi passeggini, che collega il grande parcheggio di via Caffé con l’area ricreativa del Parco.

Il nuovo camminamento per disabili dal parcheggio al Parco

Abbiamo restituito alla città un bene prezioso e confidiamo che così sarà trattato da tutti coloro che lo frequentano. Il lavoro non è però finito: ora che i servizi offerti sono molti, è il momento giusto per metter mano alla segnaletica del Parco per facilitare il riconoscimento dell’area da parte di chi vi arriva per la prima volta, orientare alle diverse parti del Parco e ricordare le poche e semplici regole che devono essere rispettate da tutti. Ed iniziare a progettare l’estensione del Parco verso sud ad includere le aree umide delle cave in via di dismissione ed un riuso del sedime della cascina Besozza.

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

WordPress.com.

Su ↑