Rendiconto di esercizio 2018 del Movimento

Riprendendo una sana abitudine del nostro Movimento, pubblichiamo il rendiconto di esercizio 2018, da cui si può vedere dove troviamo i soldi e per cosa li spendiamo.
Il rendiconto è stato predisposto dal tesoriere Stefano Ceriani e sottoposto alla Assemblea degli Aderenti del 22 gennaio 2019

ENTRATE
Saldo gestione 2017€ 2.225,75
Tesseramento Anno 2017-2018€ 1.300,00
Contributi campagna Dichio Elezioni Regionali € 170,00
Contributi amministratori€ 1.581,54
Varie € 2,80
Totale Entrate€ 5.280,09
USCITE
Spese bancarie€ 153,96
Contributo campagna Dichio Elezioni Regionali€ 1.415,00
Rimborsi spese anticipate€ 687,00
Spese incontri rappresentanza€ 110,00
Acquisto materiali€ 181,65
Spese sede€ 1.000,00
Totale Uscite€ 3.547,61
AVANZO DI ESERCIZIO€ 1.732,48


Annunci

I soldi di notte non dormono

“La finanza è una cosa per ricchi”, questo è il pensiero diffuso. Ai ricchi questo sicuramente piace perché, finché se ne occupano solo loro, la cosa non può che tornare a loro favore. Soprattutto nell’ultimo periodo, la sensazione diffusa è che ci sono pochi soldi: i Comuni non hanno i soldi per tappare le buche, l’INPS non ha quasi più soldi per pagare le pensioni, gli ospedali non hanno soldi per comperare le siringhe e via di questo passo.

Bene, sabato 18 novembre in biblioteca abbiamo scoperto che non è così. Ce lo ha rivelato il presidente di Banca Etica, Ugo Biggeri, venuto a conoscere Pioltello ed a presentare il libro “NON CON I MIEI SOLDI !”  di cui è coautore.

Continua a leggere “I soldi di notte non dormono”

Cosa ci fanno coi miei soldi?

MeseFinanzaEtica

Il Gruppo di iniziativa territoriale Milano Est di Banca Etica propone cinque appuntamenti aperti a tutti gli interessati: un intenso programma, realizzato in collaborazione con enti e organizzazioni del territorio, per decidere responsabilmente come investire i nostri soldi.

“NOI SIAMO TERRA , NOI SIAMO SUOLO” monologo teatrale di Roberto Mercandini
Un monologo solo in apparenza visionario , in realtà basato su dati rigorosamente scientifici, per riflettere sul legame strettissimo tra ecologia ed economia, tra etica e finanza. Venerdì 3 novembre alle ore 21 Casa delle Arti via De Gasperi, 5 Cernusco sul Naviglio MI

Continua a leggere “Cosa ci fanno coi miei soldi?”

2 Giugno Festa della Repubblica democratica fondata sul lavoro

RepubblicaItaliana.jpgIl 2 giugno 1947 le italiane e gli italiani scelsero a maggioranza la Repubblica chiudendo l’esperienza monarchica, che aveva aperto le porte al fascismo.

La Repubblica è però molto di più della semplice assenza di un sovrano. E di Repubbliche ce ne sono molto tipi: anche un regime autoritario come la Bielorussia è formalmente una repubblica. A scanso di equivoci, già dal primo articolo la nostra bella Costituzione specifica perciò che l’Italia è un particolare tipo di repubblica: è non solo democratica (cioè la sovranità è del popolo, come prosegue l’articolo uno) ma anche “fondata sul lavoro”.

Non sulla ricchezza posseduta, non sulla rendita da capitale, ma sul lavoro – professionale, casalingo, di cura – con cui ogni cittadino può e deve, secondo le proprie capacità, provvedere a se stesso, alla propria famiglia e, attraverso la fiscalità e l’attività volontaria, alla società nel suo complesso. Il dovere, insomma, sta alla base del diritto.

La distanza di questo semplice e profondo principio con la negazione di un lavoro per il 40% dei nostri giovani e per una crescente quota dei loro genitori, con una finanza che muove 13 euro fittizi per ogni euro prodotto dall’economia reale premiando il capitale a scapito del lavoro (anche imprenditoriale) e con l’aumento dell’indice di disuaglianza in Italia è evidente.

Festeggiare il 2 giugno è quindi una preziosa occasione per riflettere su quanto siamo lontani dalla intuizione dei nostri padri fondatori e, per quanto dipende da noi, impegnarci per correggere il tiro localmente e globalmente. Senza cadere nella tentazione di scaricare la colpa della nostra crescente fatica su quelli più poveri di noi.

Ci vediamo  il 2 giugno alle 10.30 alla sede del Fante in via Milano 77 per il corteo.

Buona Repubblica a tutti !

Caprotti lascia gli incarichi in Esselunga

Il Corriere della Sera  riporta la notizia dell’intenzione del fondatore e padrone di Esselunga (una delle più  grandi aziende con sede nella nostra città), Bernardo Caprotti di lasciare ogni incarico operativo prima di Natale, mantenendo solo la carica di presidente della società.

Una rivoluzione, per un’impresa fortemente accentrata sulla figura del suo proprietario, che a 88 anni lascia senza un chiaro “erede” nella società, visti i rapporti spesso burrascosi coi figli.  Come riporta l’articolo, Caprotti sembra intenzionato a continuare ad essere presente visitando negozi e magazzini, senza più un ruolo (ufficiale) di comando.

I soldi della Lista

Per sostenere  le proprie attività culturali e politiche, la Lista per Pioltello si basa sui versamenti volontari di consiglieri, assessori e simpatizzanti e sulle tessere degli iscritti, senza un euro di finanziamento pubblico ai partiti.

salvadanaio-risparmio-258x258Anche se non sono soldi pubblici,  abbiamo deciso di rendere pubbliche le nostre entrate ed uscite, aprendo alla libera consultazione via internet i consuntivi mensili e (a fine anno) il bilancio consuntivo, predisposti dal Tesoriere della Lista.

I consuntivi sono disponibili cliccando qui o cliccando sul simbolo della Lista.

Con questa iniziativa – che speriamo venga presto imitata dalle altre forze politiche – vogliamo condividere coi cittadini la realtà dei “costi della politica” locale, spiegando  quanto costano le iniziative (stampa manifesti, noleggio sale, acquisto materiale ecc.) e da dove arrivano i soldi che ci permettono di realizzarle: un modo per cancellare falsi pregiudizi e magari stimolare una riflessione in tutti su come contribuire – anche economicamente – alla buona politica locale.

Spending Review e Pioltello

L’ultimo decreto (in ordine di tempo) del Governo Monti riguarda la revisione della spesa operata dai diversi comparti della Pubblica Amministrazione, con l’introduzione di molti nuovi vincoli per Comuni, Province, Regioni, Sanità, Forze Armate ecc. I vincoli riguardano sia le spese per beni e servizi sia le spese per il personale, con una novità assoluta: la riduzione dei dipendenti pubblici, con meccanismi di mobilità e spostamento da un ente all’altro.

Pubblichiamo qui il testo completo del decreto, riservandoci di analizzarne gli effetti sul nostro Comune nelle prossime settimane. Clicca qui per scaricarlo. Clicca sulle quattro freccette sotto il testo del Decreto per consultarlo a pieno schermo.

Lettera aperta di Oltrelepagine

L’Associazione culturale Oltrelepagine ha pubblicato sul proprio sito una lettera aperta per evidenziare uno degli effetti della crisi economica e finanziaria: la riduzione dei contributi del Comune alle iniziative culturali dell’associazione stessa.
Al di là della vicenda specifica, su cui invitiamo l’Amministrazione, le Associazioni, le forze politiche ed i cittadini ad esprimersi, pubblichiamo la lettera come contributo alla riflessione sulla crisi, riprendendo lo spirito con cui Oltrelepagine l’ha scritta:  “Questa lettera vuole essere questo. Un tentativo di apertura di dibattito sui temi principalmente dell’associazionismo  e sui temi della crisi economica che attraversa in profondità tutta la società. Un primo tentativo di ragionare insieme sulle difficoltà e su come affrontarle. Su quali prospettive e su quali proposte mettere in campo per continuare a far vivere il mondo dell’associazionismo.”

Leggi la lettera

 

La giunta di Pioltello alla manifestazione dei Comuni contro la finanziaria

Foto http://www.pioltello.org

La Giunta di Pioltello (sindaci e assessori) ha partecipato stamattina alla manifestazione indetta dall’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) contro i tagli previsti dalla finanziaria sui bilanci comunali. L’iniziativa ha visto la partecipazione di migliaia di sindaci, provenienti da tutta Italia e di diverso orientamento politico ed ha attraversato il centro di Milano per concludersi in piazza della Scala. Gli interventi sono stati introdotti da Alemanno (sindaco di Roma) e svolti da Pisapia (Milano), Fassino (Torino), Orsoni (Venezia, Vincenzi (Genova) e da sindaci di piccoli Comuni che rischiano di essere cancellati dalla finanziaria.Le richieste dei Comuni sono principalmente due: lo sblocco dei fondi che i Comuni hanno in cassa ma che non possono spendere (blocco che, ad esempio, a Pioltello, impedisce il completamento del ponte ciclopedonale sulla Padana e l’installazione delle telecamere di sorveglianza del traffico) e la cancellazione della norma che eliminerebbe i piccoli Comuni.

Banca Etica a Pioltello

Per la prima volta, la Assemblea dei Soci della Banca Popolare Etica della nostra zona (Circoscrizione Locale Provincia Milano Est) si svolgerà nella nostra città e precisamente il 6 maggio 2011 presso il Centro Parrocchiale Card.Martini in via Perugino. L’Assemblea è pubblica, per quanto ovviamente il voto sarà riservato ai Soci della Banca Etica, quindi può essere un’ottima occasione per conoscere meglio la principale agenzia di finanza etica italiana.

Consumatori difettosi

Clicca per vedere la puntata

La Lista per Pioltello ha avviato da tempo una riflessione sull’economia globale (“Pensare globalmente, agire localmente” è il nostro motto) ed in particolare sulle forme differenti di economia, decrescita inclusa. La puntata di ieri sera di Report (Rai3) dedicata ai “Consumatori difettosi” è stata a nostro avviso una splendida introduzione all’argomento, ricca di esempi concreti e di spunti di riflessione che vale la pena riprendere. Per chi si fosse perso la puntata, la mettiamo a disposizione in questa pagina del nostro sito.

Vai Ilda, ripulisci Pioltello e la Lombardia!

Il sostituto procuratore Ilda Boccassini

I recenti arresti operati in Lombardia contro la ‘ndrangheta purtroppo confermano quel che già era ampiamente noto e cioè che anche nella nostra città è presente uno dei capisaldi della mafia calabrese: l’indagine in corso ha rivelato che l’organizzazione lombarda della ‘ndrangheta è basata sui 15 “locali” di Milano centro, Pavia, Bollate, Cormano, Bresso, Limbiate, Solaro, Corsico, Desio, Seregno, Rho, Legnano, Mariano Comense, Erba, Canzo e Pioltello. I cognomi sono sempre quelli dei Manno e Maiolo di Caulonia (manca all’appello nell’indagine odierna il terzo nome storico della ‘ndrangheta pioltellese e cioè Maione), con qualche incursione territoriale della cosca “esterna” dei Paparo legata ai lavori dell’alta velocità. Leggendo questo articolo di quasi vent’anni si ritrovano le stesse località, le stesse attività e persino gli stessi cognomi.

Scendendo alla nostra realtà cittadina e limitandoci alla cronaca più recente, ricordiamo il ritrovamento dietro il campo sportivo di via Piemonte del cadavere di un affiliato ammazzato giusto un anno fa e (ferma restando la presunzione di innocenza) l’arresto di alcuni imprenditori edili nel febbraio di quest’anno.

Qualcosa di nuovo, però, emerge dalle indagini del sostituto procuratore Ilda Boccassini tuttora in corso: forse per la prima volta stanno emergendo le relazioni con la politica ed istituzioni lombarde. Sempre ferma restando la presunzione di innocenza, non possono non inquietare le frequentazioni con esponenti della Fiera di Milano e con consiglieri regionali, il sostegno dato all’elezione di deputati del nostro territorio, le penetrazioni nell’imminente Expo 2015. Nelle indagini sulla ‘ndrangheta lombarda ricorrono spesso gli stessi nomi politici, in primis l’ex assessore regionale Massimo Ponzoni, definito oggi dal giudice delle indagini preliminari “capitale sociale” della ‘ndrangheta lombarda.

Anche il sindaco di Pioltello alla manifestazione contro i tagli

Gianvalerio Lombardi, Prefetto di Milano

Antonello Concas,Sindaco di Pioltello

Anche il sindaco di Pioltello Antonello Concas partecipa alla manifestazione a Milano contro i tagli alla finanza pubblica da parte del Governo nazionale, insieme a trecento o quattocento suoi colleghi da tutta la Lombardia. Come segno della protesta, Concas e gli altri sindaci restituiranno la fascia tricolore nelle mani del Prefetto di Milano, in quanto diretto rappresentante del Governo sul territorio milanese.

Almeno nelle intenzioni del nostro sindaco, la protesta è anche contro la Regione Lombardia, e lancia una proposta di federalismo fiscale a favore dei Comuni: “Sarebbe sufficiente assegnare ai comuni la metà dei soldi ricavati con il bollo auto, per rifare le strade. Il bollo auto in Lombardia vale oltre un miliardo di euro. Una montagna di soldi”.

L’iniziativa è stata coordinata dalla Associazioni dei Comuni Lombardi ed ha ricevuto l’adesione di sindaci di ogni parte politica. Il Corriere della Sera intitola “La Lega porta i sindaci in piazza” sottolineando l’appartenenza politica del presidente dell’Associazione, che si troverebbe quindi a protestare a Milano contro le scelte economiche del Governo che sostiene a Roma, ed in particolare contro il ministro dell’economia Tremonti, notoriamente vicino alle posizioni leghiste.

Parte il nuovo Piano di Governo del Territorio

Con il Consiglio Comunale di stasera parte il percorso che porterà la nostra città a dotarsi di un Piano di Governo del Territorio (PGT), che sostituirà l’attuale Piano Regolatore Generale (PRG).

Per i non addetti ai lavori queste sigle forse dicono poco. In realtà si tratta di documenti (cartine, scritti, tabelle numeriche ecc.) molto importanti, perché dicono dove si può costruire a Pioltello e quanto e a quale scopo e verificano che la dotazione di servizi (scuole, parcheggi, servizi sociali …) sia congruente con la crescita prevista della popolazione. Quindi in quelle carte ci sarà scritto il futuro che vogliamo per la nostra città.

Stasera sarà discusso ed approvato in Consiglio un primo documento di “inquadramento strategico”  che definisce i princìpi guida per la stesura del PGT. Poi partirà il lavoro tecnico di tradurre i princìpi guida in mappe e numeri e parallelamente saranno organizzati momenti di partecipazione dei cittadini (assemblee, forum …).

La Lista per Pioltello crede molto alla possibilità di influire positivamente sul futuro della nostra città attraverso questi strumenti normativi, perché ritiene che sia l’Amministrazione Comunale, liberamente e democraticamente eletta dai cittadini, a dover e poter decidere su que sto futuro, e non i singoli operatori privati, che rappresentano invece interessi legittimi ma di parte.

Attraverso le pagine di questo sito cercheremo di tenervi aggiornati sui lavori del PGT, pubblicando i documenti che si renderanno disponibili e creando uno spazio di discussione aperto a tutti.

Per ora, vi invitiamo a partecipare al Consiglio Comunale di stasera.

La decrescita è un’occasione per vivere meglio

Il 26 maggio 2008 si è tenuto il secondo incontro del ciclo “Energia & Decrescita” organizzato dalla Lista per Pioltello, Legambiente Lombardia, Associazione 26 Aprile, Comitato Piede Lieve e dal Meetup Grillo di Pioltello con Andrea Di Stefano, direttore della rivista economica Valori. Ecco alcuni dei passaggi più significativi della relazione di Di Stefano, cui è seguito un ampio dibattito con il numeroso pubblico presente.

La recessione economica può essere l’occasione migliorare la vita cambiando le nostre abitudini oppure ci condurrà al declino ed alla povertà. Dipende dalle scelte che operiamo, sia a livello nazionale sia locale sia personale.

Continua a leggere “La decrescita è un’occasione per vivere meglio”

Perché il PIL non misura la felicità

Clicca per scaricare e diffondere
Clicca per scaricare e diffondere

Martedì 26 maggio 2009 alle ore 21 presso la Cascina Dugnana (via Aldo Moro, Pioltello), si terrà il secondo incontro del ciclo “Energia & Decrescita” organizzato dalla Lista per Pioltello, Legambiente Lombardia, Associazione 26 Aprile, Comitato Piede Lieve e dal Meetup Grillo di Pioltello:

DECRESCITA E FELICITA’

PERCHÈ LA DECRESCITA ECONOMICA È UNA OPPORTUNITÀ,
CON ANDREA DI STEFANO (DIRETTORE DEL MENSILE “VALORI”)

La serata affronterà i temi della decrescita, delle differenze tra ricchezza (misurata dal PIL) e benessere della società, tra merci (che generano scambi in denaro) e beni (che vengono autoprodotti o scambiati gratuitamente), con particolare attenzione ai problemi energetici.

La partecipazione agli incontri è gratuita. Preghiamo chi può di venire agli incontri in bicicletta, per iniziare subito la nostra riconversione alla diminuzione di consumo di energia. Per altre informazioni è possibile scrivere a decrescita@martesana.org

Energia & Decrescita: vivere con meno energia

Martedì 12 maggio si è tenuto il primo dei due incontri organizzati da Lista per Pioltello, Legambiente Lombardia, Associazione 26 Aprile, Comitato Piede Lieve e Meetup Grillo Pioltello sul tema “Energia & Decrescita”.

Durante l’incontro, partecipato con interesse da una sessantina di persone alla cascina Dugnana, Dino De Simone, esperto di energia della Regione Lombardia ed attivista di Legambiente, ha presentato le buone pratiche da seguire per migliorare l’efficienza energetica della casa, che consentono – come diceva il tema della serata – di “vivere con meno energia”.

EnergiaDecrescita1
Fotografia: © Foto Picariello 2009, per gentile concessione.

Le priorità di intervento per migliorare l’efficienza energetica della casa indicate da De Simone nascono da alcune semplici considerazioni:

  • in una casa il 70% del risparmio energetico può venire dall’involucro (cioè dall’isolamento delle pareti, dei vetri e del tetto) ed il restanto 30% dall’impianto di riscaldamento / raffreddamento.  Quindi è meglio prima installare doppi vetri, mettere il “cappotto termico” alla casa e isolare il tetto e poi installare caldaie più efficienti
  • non ha senso installare pannelli solari per produrre energia e acqua calda se prima non si è intervenuti per migliorare l’isolamento termico della casa, altrimenti si rischia di disperdere nell’ambiente l’energia prodotta con le fonti rinnovabili

All’incontro ha partecipato anche l’assessore alla sostenibilità ambientale di Pioltello, Francesco Mazzeo, che ha presentato le numerose iniziative della Amministrazione Comunale in tema di risparmio energetico e fonti rinnovabili.

Pubblicheremo in questo sito le presentazione dei relatori, appena ci saranno rese disponibili. Nel frattempo, invitiamo tutti a partecipare al prossimo incontro, che si terrà il 26 maggio con il tema “Decrescita e felicità: perché la decrescita economica può essere una opportunità”

Un libro (gratis) sulla Decrescita

Per chi vuole approfondire il tema  della Decrescita è disponibile per il download gratuito il libro di Lester Brown cliccando sul titolo:

“Piano B 3.0, mobilitarsi per salvare la città”

Indice:

Segnaliamo inoltre un approfondimento sui Cicli di Kondratiev, citati nel recente convegno di Carugate.