Quale biglietto unico?

Da lunedì 15 luglio 2019 per viaggiare su bus, metropolitana, tram e treno nella Città Metropolitana di Milano – Pioltello compresa – serve il nuovo “biglietto unico” il cui costo dipende solo dal percorso effettuato e non dal tipo o numero di mezzi presi.

Per aiutare i cittadini a scegliere il biglietto giusto per il proprio viaggio, abbiamo preparato questa pagina che dice quale biglietto comprare, quanto costa il singolo biglietto e gli abbonamenti.

Buon viaggio !

Annunci

Biglietto unico: buona la prima !

A parlarne ed a protestare qualcosa si ottiene: col nuovo biglietto unico in partenza il 15 luglio in tutta la ex provincia di Milano (Pioltello compresa) si potrà viaggiare non solo con metrò, tram e bus ma anche col passante ferroviario. Come avevamo chiesto sulla stampa e nell’incontro pubblico un mese fa.

Il 15 luglio parte il nuovo sistema tariffario (STIBM) che consentirà di viaggiare su tutti i mezzi pubblici (metrò, tram, bus e treno) con un solo biglietto. Ad esempio, i pioltellesi potranno andare a Milano (ed poi usare tutti i mezzi della metropoli) col passante ferroviario da Limito oppure in bus da Pioltello centro oppure con bus + metrò da Cernusco, pagando in ogni caso un solo biglietto da 2,40 Euro. Il nuovo sistema prevede un risparmio di circa il 20% rispetto ad oggi sugli abbonamenti mensili ed annuali ed ulteriori sconti per anziani e giovani e l’abbonamento annuale gratuito sotto i 14 anni. Il “biglietto unico”, perseguito per decenni dai pendolari dell’hinterland milanese, è finalmente realtà.

Fino a pochi giorni fa, però, dallo STIBM era rimasto escluso il treno, per un mancato accordo tra Regione e Trenord. Ciò avrebbe comportato un danno per le città che, come Pioltello, sono sulla linea del passante, perché andare a Milano sarebbe costato ben 4,20 Euro (2,20 di treno + 2 per muoversi in Milano). Grazie ad un accordo tra ATM e Trenord, fortemente richiesto da Città Metropolitana ed anche dalla Lista per Pioltello con articoli sui giornali, volantinaggi e con l’incontro pubblico del 7 giugno, questo pericolo è stato scongiurato e dal 15 luglio si potrà viaggiare fin dentro Milano col biglietto da 2,40 Euro anche usando il passante.

“Ringrazio Città Metropolitana ed in particolare la consigliera con delega ai trasporti Siria Trezzi” ha commentato Giuseppe Bottasini, assessore ai trasporti ed all’ambiente di Pioltello ed esponente del nostro Movimento, “per aver dato ascolto al nostro territorio e alle centinaia di migliaia di pendolari che quotidianamente scelgono il mezzo con minore impatto sull’ambiente: il treno. Come Amministrazione Comunale, ci siamo mossi per tempo in tutte le sedi per arrivare a questo risultato e ne siamo contenti per i nostri cittadini. Ora ci sarà da lavorare per verificare che il nuovo sistema parta bene e per migliorare percorsi ed orari in vista del nuovo Piano del trasporto pubblico del 2020”.

Tutti i dettagli sul nuovo sistema su questo sito di ATM . La documentazione tecnica per il calcolo dei vari biglietti sul sito di Agenzia TPL. Nella presentazione del 7 giugno alcune simulazioni relative a Pioltello.

Il Parco che fa la città

Il 27 giugno 2019 il Parco sopra il tunnel della Cassanese è stato “battezzato” alla presenza dei protagonisti di questa intitolazione – le bambine ed i bambini di Chernobyl – cui il Parco è stato dedicato.

Un Parco le cui fondamenta risalgono al gennaio 2012, quando partirono i lavori per il tunnel con l’obiettivo di superare l’ostacolo viario, il confine fisico e mentale che tagliava storicamente in due la nostra città: a nord della Cassanese i quartieri di Pioltello nuova e vecchia, a sud Seggiano e Limito. Mentre c’era chi si sarebbe accontentato di sostituire i tre semafori dell’epoca con tre rotonde copiando Segrate, le Amministrazioni Comunali cui abbiamo partecipato hanno sempre puntato con lungimiranza all’interramento. Ecco alcune foto dei lavori del tunnel, dal nostro archivio:

Ma il Parco nasceva da un’idea ancora più vecchia. Nel 2002, ben dieci anni prima dell’inizio dei lavori del tunnel, sul notiziario del nostro Movimento già appariva un articolo intitolato “Cassanese vatti a nascondereForse è la volta buona che ti seppelliamo… ” in cui scrivevamo:

… la necessità – sempre più pressante – di risolvere le situazioni di criticità che il nostro territorio subisce, prima fra tutte la CASSANESE. Una coda interminabile ed immobile in perenne attraversamento della nostra Città, seguendo il ritmo scandito del sole che, sorgendo ad est con le prime luci dell’alba l’accompagna in una direzione ed all’imbrunire nella direzione opposta. Stanca sequela che si ripete ormai da moltissimi anni. Sembrerebbe quasi un film, se non fosse che attori o comparse di questa fiction carica di veleno siamo noi, i Pioltellesi.

NumeroCinque – Novembre 2002 – Lista per Pioltello

Ecco perché, per il nostro Movimento e per moltissimi cittadini di Pioltello che ricordano questo pezzo di storia, l’intitolazione del Parco sulla Cassanese non è solo una delle belle dedicazioni che costellano la nostra città, ma il completamento di un sogno di quasi vent’anni fa per la nostra Pioltello.

a cura di Giuseppe Bottasini

Le vie del Gusto a Pioltello Vecchia

Calato il Triplete del Gusto nel giro di poche settimane a Pioltello Vecchia. Alcuni nostri concittadini hanno deciso di intraprendere nuove attività commerciali che stanno proseguendo nel percorso, già intrapreso da altri, di ridare vita alle zone della Vecchia Pioltello.

Pizza Gourmet, Yogurteria e la nuova Gelateria Mela e Cannella si sono aggiunti alle attività già presenti. Negli ultimi due anni altri negozi e bar avevano già alzato le saracinesche e ora con questo salto triplo il quartiere ritrova un periodo di sana vivacità.

Ma andiamo per ordine:

  • in via Milano 24 è stata aperta Alto Pizza Factory, molto di più di una semplice pizzeria. Ambiente giovane, allegro, ottimamente gestito da Alessandro e Tommaso e con scelte di pizze tonde o alla pala con gusti e colori unici
  • in piazza della Repubblica è stata aperta la Yogurteria. Al centro vi è uo Yogurt Gelato di qualità guarnito da una vasta gamma di abbinamenti. Ma non trovate solo yogurt: waffle, pancake, crêpes e frappè completano la ricca gamma del gusto
  • infine in via Milano 56, aprirà domenica 30 giugno, Mela e Cannella Gelateria. Dalla professionalità trasversale della famiglia Fabrizi, da sempre leader nel settore dei preziosi, nasce la fantastica idea Mela Cannella che ha già da tempo aperto un primo punto vendita a Cernusco ed ora han deciso di rilanciarsi nella città di origine.

Complimenti a queste belle tre realtà e chiaramente un invito a tutta la città a passare a gustare questi fantastici prodotti

Gustamondo: da Pioltello al TG3

Un servizio su Pioltello al TG3 regionale è andato in onda ieri 23 giugno 2019. E’ stata una bella occasione per mettere in evidenzia il progetto Gustamondo che ha utilizzato un linguaggio universale, quello del cibo, per fare integrazione. La conclusione del progetto per donne provenienti da tutto il mondo si è svolto presso la struttura e gli appartamenti per anziani di Villa Opizzoni dove in un momento conviviale sono stati presentati i prodotti culinari delle diverse culture

Il servizio potete rivederlo al minuto 13,20 https://www.rainews.it/tgr/lombardia/notiziari/video/2019/06/ContentItem-8d0be3af-3da2-44c8-8454-9eec0ec31c1f.html

Tanti auguri Volley Team!

Grande festa lo scorso fine settimana per il mezzo secolo di storia del Volley Team Pioltello, la società di pallavolo che ha educato allo sport più di tre generazioni di ragazze e ragazzi pioltellesi. Un evento che ha riunito vecchie glorie e giovani speranze, con la partecipazione di centinaia di atleti e dei loro genitori che, con l’occasione, sono tornati nuovamente in campo. Una festa di compleanno cui l’Amministrazione Comunale si è presentata con un dono apprezzato: l’inizio dei lavori di ristrutturazione della palestra di via Togliatti, in cui Volley Team ha sede, si allena e gioca. Auguri per i vostri primi 50 anni, Volley Team !

Alcuni momenti della festa:

L’avvio dei lavori di ristrutturazione della palestra:

Il discorso del presidente Maurizio Agosta:

Fausto Cibra: storia di un concittadino prigioniero in Germania tra il 1943 e il 1945

La memoria sospesa – Fausto Cibra” è il titolo del testo promosso dall’assessorato alla cultura e pubblicato dal Comune di Pioltello. Si tratta  di un lavoro di ricerca e scrittura da parte di Fiorenza Pistocchi che ha permesso di ripercorrere la storia tra il 1943 e il 1945 del giovane concittadino Fausto, che dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 si rifiutò di arruolarsi nell’esercito della Repubblica di Salò e per questo motivo venne deportato in Germania dove rimase prigioniero per due anni. E’ una bella occasione per fare esercizio di memoria e lasciare ai posteri  ricordo di alcune figure significative della nostra città.

 Il volume è stato consegnato alle persone presenti alle commemorazioni del 2 giugno e verrà poi consegnato agli studenti delle terze medie e quinte superiori della città. Lo si può inoltre trovare nella biblioteca comunale.

Apre il bar al parco della Besozza

Finalmente il nostro Parco più grande e bello torna ad essere accogliente per tutti: dopo anni, riapre il bar della Besozza con tante novità. Un Parco nato da una battaglia contro la speculazione edilizia.

Con la consegna delle chiavi al vincitore del bando pubblico, riapre dopo qualche anno di chiusura il bar nel Parco della Besozza. Il nuovo operatore avrà in gestione anche il porticato, le griglie, i bagni ed una ampia area verde per attività ricreative, sportive e feste. Tra le iniziative già annunciate: un’area cani ed il noleggio di biciclette. “Il bar che vorrei” è il nome dato dall’operatore al nuovo locale.

Abbiamo chiesto a Giuseppe Bottasini, assessore ai grandi Parchi e promotore del bando, cosa cambia per i cittadini con la riapertura del bar.

“Il Parco della Besozza è la più bella e vasta area naturale di proprietà pubblica nella nostra città: oltre 400.000 mq di verde circondano un Bosco formato da 20.000 alberi, rifugio di martin pescatori, civette, gufi, aironi e, recentemente, di qualche volpe. Una bellezza immortalata dagli scatti del nostro concittadino Riccardo Tagliaferri, recentemente scomparso.

Fino a ieri, il Parco era frequentato principalmente da sportivi e amanti della natura e, nel fine settimana, da qualche comitiva spesso “disordinata”. Con la riapertura del bar e dei servizi annessi, il Parco diventa più accogliente per tutti: un bel posto dove passare qualche ora nel verde con la famiglia, passeggiare col cane, fare festa con gli amici grigliando nelle zone consentite, giocare o semplicemente riposarsi all’ombra degli alberi.

Nell’area ricreativa intorno al bar e delimitata da una rete, accordandosi con l’operatore si potranno usare le griglie ed il porticato per far festa. I bagni saranno a disposizione gratuitamente.

Fuori dall’area ricreativa, i cittadini potranno liberamente godere degli ampi prati e delle zone alberate per svagarsi, giocare e passeggiare, rispettando alcune semplici regole ricordate dalla nuova segnaletica che stiamo allestendo: i cani vanno tenuti al guinzaglio, non si possono accendere fuochi o griglie, non si possono usare altoparlanti e disturbare con schiamazzi.

Infine, si potrà entrare a piedi o in bicicletta nel luogo più bello, il Bosco vero e proprio, rispettando col silenzio la fauna che vi dimora e che, con un po’ di fortuna, si può ammirare verso sera. Poche e semplici regole, che consentono a tutti di godere di questa meraviglia della nostra città.”

Un vero e proprio rilancio del Parco, in cui continueranno anche le attività già promosse dall’Amministrazione Comunale, tra cui “Quattro zampe in Besozza”, “A spasso per i parchi”, “Corro per Elio”, “Social Run“, “Bimbinbici“, “Famiglie in fattoria” e le uscite didattiche delle scuole con le Guide del Parco formate da uno dei “papà” della Besozza, Walter Finazzi.

Un bene comune della nostra città, che non nasce dal nulla ma da una battaglia politica iniziata un quarto di secolo fa, una delle prime vinte dal nostro Movimento: la salvaguardia di un’area agricola trasformata in residenziale a colpi di tangenti. Una storia documentata anche da una tesi di laurea (disponibile qui).

Tutti gli articoli sulla Besozza pubblicati sul nostro sito

Un caro ricordo di Ruggero Tagliaferri

Ruggero ci ha lasciati

Venerdi scorso, nel suo letto e circondato dall’affetto dei suoi familiari, è deceduto Ruggero Tagliaferri .
Ruggero è stata una persona vicina ed amica che lascia in tutti coloro che l’hanno conosciuto un vuoto profondo.
Nato a Limito, monello della Curt dei Paisan, in molti si ricordano di lui tra scorribande e giochi quando ancora era possibile scorrazzare liberamente tra cortili, prati , stalle e fontanili.
Ruggero è stato presente e ben conosciuto negli anni in cui Limito cresceva e cambiava, impareggiabile ed accanito giocatore di pallone.
Impegnato nel consiglio di fabbrica della Sisas, con pari attenzione rivolta alla difesa delle condizioni dei lavoratori ed alla lotta per un ambiente più pulito, ha infine continuato a lavorare dopo l’esperienza di lotta alla Sisas come apprezzato tecnico impegnato nella difesa ambientale.
Ad un certo punto nel suo tempo libero si è dedicato alla corsa, di cui è diventato non solo praticante assiduo, ma anche attento e preparato allenatore, prima nell’Atlhetic Team e poi infine nell’AtleticaVignate che gli ha giustamente riconosciuto un ruolo di guida, punto di riferimento amato e rispettato.
La sua caratura umana e la sua generosità di fatto gli facevano assumere un ruolo di riferimento non solo per i familiari che con dedizione l’hanno infine assistito nella grave malattia che l’ha colpito ed immobilizzato, ma anche per tutti quegli amici in difficoltà che avessero bisogno di una mano.
Ad un certo punto della sua vita è emersa infine quella che forse è stata la sua passione più grande , la fotografia.
Era un innamorato della natura ed in particolare del Bosco della Besozza , che frequentava negli orari più improbabili per poter realizzare quegli incontri che ha poi riportato in una recente mostra fotografica che è stata esposta sia al punto Parco della Besozza sia recentemente alla Festa di Limito.
Ciao Ruggero, grazie per i tuoi doni.

a cura di Gianni Moretti

50 anni del Volley Team Pioltello

Il Volley Team Pioltello festeggia in questi giorni il suo 50esimo compleanno ed è un gran bel traguardo. Dal 1969 migliaia di giovani pioltellesi hanno solcato i campi delle palestre cittadine; il modo migliore per celebrare questa ricorrenza è quello di giocare ed infatti tutte le sere di questa settimana scenderanno in campo tutte le squadre del volley locale contro le rivali dei paesi limitrofi. Gran finale domenica 16 giugno con le finali alla presenza delle autorità regionali e nazionali del mondo pallavolistico. Qui di seguito un breve repertorio di foto storiche. Buon compleanno Volley Team Pioltello!

Biglietto unico, ma non per tutti

Da luglio il nuovo biglietto unico per il trasporto pubblico porterà flessibilità e risparmi a tanti pendolari, ma non a tutti. Chi ci guadagna e chi ci perde. E perché.

Nell’incontro pubblico organizzato dal nostro Movimento il 7 giugno le preoccupazioni relative al nuovo biglietto unico hanno trovato conferma nelle parole della consigliera di Città Metropolitana con delega ai trasporti Siria Trezzi e della consigliera regionale Elisabetta Strada: a metà luglio si potrà viaggiare con un solo biglietto su bus, metrò e tram ma non sul treno. E chi andrà a Milano col Passante rischia di pagare di più di prima.

Il biglietto unico è un obiettivo perseguito da decenni dai pendolari dell’hinterland milanese, per muoversi liberamente e spendendo meno sui diversi mezzi dell’ampia rete di trasporto pubblico dentro e fuori Milano. Ed è quindi un vero peccato che questo risultato storico lasci fuori i molti pendolari pioltellesi (e rodanesi, vignatesi, melzesi, cassanesi, rodensi ecc.) che scelgono quotidianamente il mezzo pubblico più ecologico ed efficiente: il treno. Da luglio, un pioltellese che vada col bus fino a Cernusco e prosegua verso Milano in metrò pagherà in tutto 2,40 euro. Idem se andrà col bus fino a Milano per poi proseguire in metrò o tram. Ma se partirà da Pioltello col Passante (2,20 euro) per poi passare sui mezzi urbani in Milano, pagherà in tutto 4,20 euro, quindi di più che con gli altri mezzi e di più di quel che spende oggi, perché da luglio il biglietto urbano di Milano aumenterà da 1,5 a 2 euro. Tutto ciò contro lo scopo del biglietto unico e contro le previsioni della legge che l’ha introdotto.

Ma come si è arrivati a questo pasticcio ? Perché il treno venga incluso nel biglietto unico occorre un accordo tra Regione Lombardia e Trenord (posseduta al 50% da Regione), che si è arenato per strada per motivi tecnici ma anche – e soprattutto- politici: come spiegato da Elisabetta e Siria, la Lega (che guida la Regione) sta rallentando gli accordi per provare a mettere in difficoltà il sindaco Sala sull’aumento del biglietto urbano di Milano. Per qualche consenso in più in città, la Lega mette in difficoltà centinaia di migliaia di lavoratori e studenti dell’hinterland. Compresi i pioltellesi.

Come se ne viene fuori ? In attesa dell’accordo ufficiale e come anticipato dai mezzi di stampa, ATM e Trenord stanno cercando a mettersi d’accordo commercialmente per l’uso del biglietto ATM sul Passante anche fuori Milano. Ma questo non darà accesso ai forti sconti (-25%) previsti dai nuovi abbonamenti ed alle altre belle novità del biglietto unico tra cui la gratuità sotto i 14 anni, finalmente estese anche alla provincia. Occorre che i cittadini facciano sentire la loro voce, direttamente ed attraverso le forze politiche e le Amministrazioni comunali. Che è quello che abbiamo iniziato con l’incontro di venerdì e che continueremo a fare nelle prossime settimane e mesi, fino a quando non sarà ristabilita l’equità tra i pendolari del trasporto pubblico.

a cura di Giuseppe Bottasini, (coordinamento della Lista per Pioltello e assessore ai trasporti del Comune di Pioltello)

Due firme per i Beni comuni

Lista per Pioltello ha aderito alla campagna per la Legge di Iniziativa Popolare per la difesa dei beni Pubblici e Comuni: le prime firme sono state raccolte il 7 giugno nel corso della serata dedicata al biglietto unico, ma fino al 31 luglio è possibile firmare presso gli Uffici Comunali. Abbiamo chiesto a Camilla Zoppolato, che a Pioltello rappresenta il Comitato “Stefano Rodotà”, di raccontarci quali sono gli obiettivi della campagna e di seguito pubblichiamo il suo racconto.

“Quando mi trovo a fermare amici, parenti, conoscenti e sconosciuti per chiedere la loro firma per introdurre all’interno del Codice Civile la categoria giuridica dei “beni comuni”, molto spesso incontro stupore e perplessità; “Ma non esiste già?” mi viene chiesto.

Infatti a molti pare strano che a livello nazionale non sia prevista la tutela e la salvaguardia di quei beni che esprimono “utilità funzionali all’esercizio dei diritti fondamentali nonché al libero sviluppo della persona”.

Tra i beni comuni troviamo i fiumi, i torrenti e le loro sorgenti; i laghi e le altre acque ; l’aria; i parchi, le foreste e le zone boschive ; le zone montane di alta quota , i ghiacciai e le nevi perenni; i lidi e i tratti di costa dichiarati riserva ambientale ; la fauna selvatica e la flora tutelata; i beni archeologici , culturali, ambientali e le altre zone paesaggistiche tutelate; le opere destinate alla difesa ; le spiagge e le rade ; le reti stradali , autostradali e ferroviarie ; lo spettro delle frequenze ; gli acquedotti ; i porti e gli aeroporti di rilevanza nazionale ed internazionale; le case dell’edilizia residenziale pubblica, gli edifici pubblici adibiti a ospedali, istituti di istruzione e asili e le reti locali di pubblico servizio.

Attualmente questi beni non sono protetti da un potenziale intervento di privatizzazione e dal conseguente trattamento secondo logiche di profitto; per questo il Comitato Popolare di Difesa dei Beni Pubblici e Comuni “Stefano Rodotà” si sta impegnando a raccogliere il numero firme necessario a presentare in Parlamento la legge di iniziativa popolare per i beni comuni .

Questo disegno di legge è stato elaborato nel 2007 su incarico del Governo da una commissione di giuristi presieduta da Stefano Rodotà. il testo, nonostante non abbia avuto un seguito legislativo, ha introdotto all’interno del dibattito politico e pubblico il tema dei beni comuni, ispirando ad esempio la campagna dei referendum del 2011, che ha avuto come oggetto, tra gli altri, l’acqua “bene comune”.

L’aspetto innovativo di questa proposta di legge sta nel fatto che non si limita a porre delle regole alla privatizzazione dei beni dello Stato, ma si frappone all’interno della dicotomia tra pubblico e privato. Infatti vengono posti al centro del concetto di bene comune i diritti fondamentali degli individui, il libero sviluppo della persona e la tutela delle generazioni future prima di qualsiasi definizione di proprietà.

Non si tratta quindi di schierarsi contro la proprietà privata e a favore di quella pubblica, ma di impedire che la gestione di tali beni essenziali per la vita degli individui prescinda dalle esigenze della comunità.

Il Comitato è presieduto e promosso da Ugo Mattei, professore di diritto a Torino e in California e da altri giuristi. L’impegno è di raccogliere in tutta Italia almeno 50.000 firme entro fine luglio; accanto a questa iniziativa in un ottica di lungo periodo, si stanno raccogliendo adesioni per la Cooperativa Intergenerazionale di Mutuo Soccorso, una struttura finalizzata a creare una rete permanente diffusa a livello nazionale per l’esercizio della sovranità popolare, attraverso gli strumenti di democrazia diretta (Referendum, Legge di Iniziativa Popolare, Petizione) e di azione giudiziaria, informazione e alfabetizzazione ecologica in difesa dei beni comuni.”

a cura di Camilla Zoppolato

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito https://generazionifuture.org e sulla pagina Facebook “Comitato Popolare Difesa Beni Pubblici e Comuni Stefano Rodotà”

PER APPROFONDIRE

Stop alla plastica: con le borracce in consiglio comunale

Il gruppo consiliare del Movimento Civico Lista per Pioltello-Vivere Pioltello

Stop alla plastica e iniziamo a dare l’esempio in consiglio comunale. La lotta all’inquinamento prodotto dalle plastiche è diventata negli ultimi tempi una emergenza mondiale e ognuno di noi è chiamato a fare la sua parte. E’ il momento di dare una accelerata a nuove politiche ambientali e buone prassi.

Senza bottigliette e con le borracce: ci siamo presentati così al consiglio comunale di mercoledì 15 maggio e confidiamo possa diventare buona prassi per tutti. La sindaca ha assicurato che prossimamente non ci saranno più bottiglie di  plastica in comune ma materiali eco-sostenibili recependo la mozione votata il mese scorso dal consiglio comunale e presentata dal capogruppo del Pd Alberto Cazzaniga.

a cura del gruppo consiliare Lista per Pioltello-Vivere Pioltello
Mirko Dichio, Marta Cervi, Antonello Avalli e Fabiano Gorla

Biglietto unico, biglietto iniquo ?

Da luglio, per viaggiare su bus, metrò e tram basterà finalmente un solo biglietto, valido per prendere tutti i mezzi e il cui costo non dipenderà più dal mezzo ma solo dalla distanza. Una bella comodità ed un bel risparmio sugli abbonamenti mensili ed annuali.

Per ora però il treno resta fuori da questo accordo e con esso le corse del passante ferroviario, che sono la “metropolitana” di Pioltello. Quindi i pendolari della nostra città rischiano addirittura di essere penalizzati, da questa importante novità.

Per sapere come cambiano i costi, perché il treno è fuori e cosa possiamo fare perché il biglietto unico sia un vantaggio per tutti, vieni all’incontro pubblico del 7 giugno a Limito, organizzato dalla Lista per Pioltello alle ore 21 presso il centro civico di piazza don Milani.

All’incontro saranno presenti la consigliera regionale civica Elisabetta Strada, la consigliera metropolitana con delega ai trasporti Siria Trezzi, l’assessore ai trasporti di Pioltello Giuseppe Bottasini ed il capogruppo della Lista e sindacalista dei trasporti Mirko Dichio. Introdurrà la sindaca di Pioltello Ivonne Cosciotti e modererà gli interventi e le domande del pubblico Lucia Lanzanova, coordinatrice del nostro Movimento.

Social Run again !

Domenica 9 giugno 2019 dalle 9.30 al Parco della Besozza, la seconda edizione di “Social Run”, corsa non competitiva su due distanze (3 e 6 km).

Il ricavato della corsa è destinato da due progetti di cooperazione internazionale: “Bio-Orti” scolastici in Perù, che si propone di educare alla buona e sana alimentazione i bambini che vivono in territori in cui non cresce più nulla, a causa dell’agricoltura intensiva e pesticidi chimici, e “Creciendo Unidos” in Colombia, con l’obiettivo di aiutare con percorsi di scolarizzazione ragazzi e giovani, spesso presi come “bambini soldato”, o coinvolti in lavoro minorile e nella tratta prostituzione.

La Social Run è una splendida ’iniziativa, interamente organizzata dai ragazzi della Centro di Aggregazione Giovanile di Pioltello e della Social Team, che con straordinari impegno e sensibilità si sono messi in gioco “ spiega l’assessora alle Politiche Giovanili, Scambi culturali e cooperazione internazionale Jessica D’Adamo La gara del 9 giugno è aperta a tutti, si corre ma si può anche camminare e passeggiare, l’anno scorso vennero anche delle mamme con il passeggino!

Tutti i dettagli e iscrizioni sulla pagina del sito del Comune.

Una LIM in ogni classe, un iPad ad ogni studente

Il 29 maggio sono stati consegnati i primi tablet Apple agli insegnanti delle scuole medie di Pioltello, anticipazione della consegna a settembre di un iPad ad ogni studente.

Parte da qui la rivoluzione digitale delle scuole della nostra città: una LIM (lavagna interattiva multimediale) in ogni classe elementare, un tablet nello zaino di ogni studente delle medie, accompagnati da oltre 250 ore di formazione rivolta agli insegnanti e supportati dalla connessione in fibra ottica di tutti gli edifici scolastici.

La scuola è la prima forma di Stato che i nostri ragazzi conoscono ed è la più grande occasione per partire tutti con le stesse opportunità. Per questo l’Amministrazione Comunale di Pioltello è impegnata a farne una eccellenza. Più di mezzo milione di investimenti straordinari, per dotare tutti i ragazzi delle nostre scuole dei migliori strumenti e per aiutare i docenti ad usarli al meglio. Altri 150.000 euro di acquisti per irrobustire le reti locali nelle scuole ed il collegamento in fibra verso internet.

Un grande lavoro di coordinamento con le scuole, portato avanti dall’assessora all’istruzione Gabriella Baldaro, dall’assessore all’edilizia scolastica Simone Garofano e dall’assessore alle infrastrutture Giuseppe Bottasini con gli uffici scolastico, tecnico ed informatico del Comune.

Buone notizie: il Nuovo Parco Pertini è concluso e aperto…Olè!

Ecco una gran bella notizia: il Parco Pertini è ufficialmente concluso e aperto. Sono stati ultimati i lavori e la città ha ora una nuova area verde e giochi nata dalla riqualificazione dell’area dell’ex-Rotolito tra via Moro e via Amendola.

Come è oggi il Parco

L’area è attrezzata con prato, piante e aree con giochi e superficie in gomma anti trauma. Il parco si trova tra la via Amendola e la via Aldo Moro. Su quest’ultima sono stati realizzati nuovi parcheggi a spina di pesce sulla strada, andando a rispondere a un’esigenza dei residenti. E’ stata inoltre ripristinata la fermata dell’autobus.

I lavori per la trasformazione dell’area

Siamo felici di aver contribuito a riconsegnare alla città una zona riqualificata che fino a pochi anni fa vedeva quotidianamente il passaggio di autoarticolati a servizio dell’azienda presente e soprattutto di averla ridisegnata a misura di cittadino. Ora trattiamola bene e utilizziamola al meglio. Passate a vederla e a viverla!

A cura di Fabiano Gorla
Consigliere comunale Lista per Pioltello

Eccezionale, 5000 pioltellesi a teatro!

Annata strepitosa per la rassegna di teatro in classe. Oltre 50 spettacoli e un pubblico che di giorno in giorno è cresciuto fino ad arrivare a contare oltre 5000 presenze. Di seguito un report dell’assessore Gabriella Baldaro e una doverosa carrellata fotografica. Complimenti a tutti!

Cala il sipario sulla XXXII Rassegna Teatro in classe.La Rassegna del “Teatro in classe” costituisce un appuntamento culturale importante per la città.

Il teatro è una tradizione che viene rinnovata e valorizzata da più di trent’anni qui a Pioltello. Nel mese di maggio, le scuole portano in scena i loro spettacoli teatrali, strumenti efficaci per veicolare valori come la LA PACE, LA FRATELLANZA DEI POPOLI e la LEGALITA’

Io sono particolarmente orgogliosa e fiera di poter mantenere viva questa tradizione culturale nelle scuole della nostra città.
I laboratori teatrali costituiscono un asse importante dei finanziamenti alle scuole cittadine nel Piano del Diritto allo Studio con i progetti di ampliamento dell’offerta formativa delle scuole.
Tutelare l’arte del teatro significa garantire uno spazio educativo importante per la crescita della persona. Uno spazio che concorre, in maniera complementare, insieme alle discipline curricolari, alla formazione integrale della persona.
Quest’anno, il teatro ha avuto come filo rosso l’educazione alla Pace, Numerosi laboratori hanno trattato il tema: spettacoli, canzoni di pace, elaborazioni video e, all’interno della Rassegna, abbiamo ospitato il Convegno della Pace, con il giornalista Daniele Biella e la Rete per la Pace, a cui hanno partecipato oltre 400 studenti delle Scuole Secondarie di primo e secondo grado della nostra città.
Una cinquantina di spettacoli tra le serate e le repliche mattutine per le scuole hanno animato la Sala Consiliare che è diventata, nel mese di maggio, il Teatro più bello della Martesana, carico dei colori più belli della fratellanza dei popoli.

In una società dominata dal progresso tecnologico, dalle mode, dagli status symbol, parlare di educazione alla bellezza è importantissimo, perché si abituano i ragazzi a ricercare sempre la bellezza delle cose.

Continuiamo a educare i nostri ragazzi all’arte e alla bellezza anche attraverso il teatro, affinché rimangano sempre vivi in loro la curiosità e lo stupore.
Ringrazio per il coordinamento della Rassegna il  prof Barbarello, che ne è il curatore artistico da trantadue anni e che dirige questa importante manifestazione culturale con professionalità e competenza. L’ufficio scuola e  gli esperti di teatro che hanno curato la regia degli spettacoli. Un ringraziamento speciale va a tutti gli studenti che si sono impegnati per la buona riuscita degli  spettacoli e che hanno saputo farci emozionare. Ringraziamenti doverosi e un pluaso speciale agli insegnanti che con il teatro educativo, concorrono alla formazione integrale dei nostri ragazzi, promuovendone l’arricchimento culturale e umano.
La Rassegna, quest’anno, ha visto protagoniste le scuole di ogni ordine e grado: dai bambini della Scuola dell’Infanzia agli studenti degli Istituti Superiori. Grande soddisfazione per la buona riuscita degli spettacoli e per i messaggi che gli attori hanno saputo trasmettere.
Arrivederci al prossimo anno!

a cura di Gabriella Baldaro
Assessore alla scuola

Nuove nomine per la Consulta Culturale: eletta Benedetta De Pieri

Il consiglio comunale di Pioltello ha istituito in data 21 marzo la Consulta Culturale quale organo consultivo e propositivo del Comune che contribuisce alla promozione e al consolidamento delle potenzialità culturali presenti sul territorio. Questa nuova consulta si affianca alle già presenti consulte sportiva e interculturale.

Obiettivo primario è di rafforzare e supportare le culture presenti a Pioltello considerandole un valore aggiunto e cercando di mettere in rete le diverse realtà associative, di volontariato, gli enti pubblici e i privati che operano sul nostro territorio. Le sinergie messe in gioco dalla Consulta sono finalizzate ad elaborare e facilitare politiche culturali e la realizzazione di iniziative nonché di indirizzare le forze politiche, sociali ed economiche verso specifiche e sentite tematiche culturali. Compongono l’Assemblea della Consulta con diritto di voto: il legale rappresentante di ciascuna delle associazioni iscritte nell’Albo comunale delle associazioni e che abbiano fatto richiesta di partecipazione alla Consulta culturale; un rappresentante designato da ciascuna delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, statali e paritarie, presenti sul territorio comunale;  due rappresentanti eletti dal Consiglio comunale, espressione uno della maggioranza e l’altro della minoranza e un rappresentante designato da ciascuna delle altre consulte comunali. Con piacere

Con piacere registriamo la nomina per la maggioranza (su nostra proposta) della ricercatrice pioltellese Benedetta De Pieri a cui facciamo gli auguri di un proficuo lavoro; per le minoranze è stato eletto Giovanni Marano.

A cura di Marta Cervi
Consigliere Comunale Lista per Pioltello