Un caro ricordo di Ruggero Tagliaferri

Ruggero ci ha lasciati

Venerdi scorso, nel suo letto e circondato dall’affetto dei suoi familiari, è deceduto Ruggero Tagliaferri .
Ruggero è stata una persona vicina ed amica che lascia in tutti coloro che l’hanno conosciuto un vuoto profondo.
Nato a Limito, monello della Curt dei Paisan, in molti si ricordano di lui tra scorribande e giochi quando ancora era possibile scorrazzare liberamente tra cortili, prati , stalle e fontanili.
Ruggero è stato presente e ben conosciuto negli anni in cui Limito cresceva e cambiava, impareggiabile ed accanito giocatore di pallone.
Impegnato nel consiglio di fabbrica della Sisas, con pari attenzione rivolta alla difesa delle condizioni dei lavoratori ed alla lotta per un ambiente più pulito, ha infine continuato a lavorare dopo l’esperienza di lotta alla Sisas come apprezzato tecnico impegnato nella difesa ambientale.
Ad un certo punto nel suo tempo libero si è dedicato alla corsa, di cui è diventato non solo praticante assiduo, ma anche attento e preparato allenatore, prima nell’Atlhetic Team e poi infine nell’AtleticaVignate che gli ha giustamente riconosciuto un ruolo di guida, punto di riferimento amato e rispettato.
La sua caratura umana e la sua generosità di fatto gli facevano assumere un ruolo di riferimento non solo per i familiari che con dedizione l’hanno infine assistito nella grave malattia che l’ha colpito ed immobilizzato, ma anche per tutti quegli amici in difficoltà che avessero bisogno di una mano.
Ad un certo punto della sua vita è emersa infine quella che forse è stata la sua passione più grande , la fotografia.
Era un innamorato della natura ed in particolare del Bosco della Besozza , che frequentava negli orari più improbabili per poter realizzare quegli incontri che ha poi riportato in una recente mostra fotografica che è stata esposta sia al punto Parco della Besozza sia recentemente alla Festa di Limito.
Ciao Ruggero, grazie per i tuoi doni.

a cura di Gianni Moretti

Annunci

50 anni del Volley Team Pioltello

Il Volley Team Pioltello festeggia in questi giorni il suo 50esimo compleanno ed è un gran bel traguardo. Dal 1969 migliaia di giovani pioltellesi hanno solcato i campi delle palestre cittadine; il modo migliore per celebrare questa ricorrenza è quello di giocare ed infatti tutte le sere di questa settimana scenderanno in campo tutte le squadre del volley locale contro le rivali dei paesi limitrofi. Gran finale domenica 16 giugno con le finali alla presenza delle autorità regionali e nazionali del mondo pallavolistico. Qui di seguito un breve repertorio di foto storiche. Buon compleanno Volley Team Pioltello!

Biglietto unico, ma non per tutti

Da luglio il nuovo biglietto unico per il trasporto pubblico porterà flessibilità e risparmi a tanti pendolari, ma non a tutti. Chi ci guadagna e chi ci perde. E perché.

Nell’incontro pubblico organizzato dal nostro Movimento il 7 giugno le preoccupazioni relative al nuovo biglietto unico hanno trovato conferma nelle parole della consigliera di Città Metropolitana con delega ai trasporti Siria Trezzi e della consigliera regionale Elisabetta Strada: a metà luglio si potrà viaggiare con un solo biglietto su bus, metrò e tram ma non sul treno. E chi andrà a Milano col Passante rischia di pagare di più di prima.

Il biglietto unico è un obiettivo perseguito da decenni dai pendolari dell’hinterland milanese, per muoversi liberamente e spendendo meno sui diversi mezzi dell’ampia rete di trasporto pubblico dentro e fuori Milano. Ed è quindi un vero peccato che questo risultato storico lasci fuori i molti pendolari pioltellesi (e rodanesi, vignatesi, melzesi, cassanesi, rodensi ecc.) che scelgono quotidianamente il mezzo pubblico più ecologico ed efficiente: il treno. Da luglio, un pioltellese che vada col bus fino a Cernusco e prosegua verso Milano in metrò pagherà in tutto 2,40 euro. Idem se andrà col bus fino a Milano per poi proseguire in metrò o tram. Ma se partirà da Pioltello col Passante (2,20 euro) per poi passare sui mezzi urbani in Milano, pagherà in tutto 4,20 euro, quindi di più che con gli altri mezzi e di più di quel che spende oggi, perché da luglio il biglietto urbano di Milano aumenterà da 1,5 a 2 euro. Tutto ciò contro lo scopo del biglietto unico e contro le previsioni della legge che l’ha introdotto.

Ma come si è arrivati a questo pasticcio ? Perché il treno venga incluso nel biglietto unico occorre un accordo tra Regione Lombardia e Trenord (posseduta al 50% da Regione), che si è arenato per strada per motivi tecnici ma anche – e soprattutto- politici: come spiegato da Elisabetta e Siria, la Lega (che guida la Regione) sta rallentando gli accordi per provare a mettere in difficoltà il sindaco Sala sull’aumento del biglietto urbano di Milano. Per qualche consenso in più in città, la Lega mette in difficoltà centinaia di migliaia di lavoratori e studenti dell’hinterland. Compresi i pioltellesi.

Come se ne viene fuori ? In attesa dell’accordo ufficiale e come anticipato dai mezzi di stampa, ATM e Trenord stanno cercando a mettersi d’accordo commercialmente per l’uso del biglietto ATM sul Passante anche fuori Milano. Ma questo non darà accesso ai forti sconti (-25%) previsti dai nuovi abbonamenti ed alle altre belle novità del biglietto unico tra cui la gratuità sotto i 14 anni, finalmente estese anche alla provincia. Occorre che i cittadini facciano sentire la loro voce, direttamente ed attraverso le forze politiche e le Amministrazioni comunali. Che è quello che abbiamo iniziato con l’incontro di venerdì e che continueremo a fare nelle prossime settimane e mesi, fino a quando non sarà ristabilita l’equità tra i pendolari del trasporto pubblico.

a cura di Giuseppe Bottasini, (coordinamento della Lista per Pioltello e assessore ai trasporti del Comune di Pioltello)

Due firme per i Beni comuni

Lista per Pioltello ha aderito alla campagna per la Legge di Iniziativa Popolare per la difesa dei beni Pubblici e Comuni: le prime firme sono state raccolte il 7 giugno nel corso della serata dedicata al biglietto unico, ma fino al 31 luglio è possibile firmare presso gli Uffici Comunali. Abbiamo chiesto a Camilla Zoppolato, che a Pioltello rappresenta il Comitato “Stefano Rodotà”, di raccontarci quali sono gli obiettivi della campagna e di seguito pubblichiamo il suo racconto.

“Quando mi trovo a fermare amici, parenti, conoscenti e sconosciuti per chiedere la loro firma per introdurre all’interno del Codice Civile la categoria giuridica dei “beni comuni”, molto spesso incontro stupore e perplessità; “Ma non esiste già?” mi viene chiesto.

Infatti a molti pare strano che a livello nazionale non sia prevista la tutela e la salvaguardia di quei beni che esprimono “utilità funzionali all’esercizio dei diritti fondamentali nonché al libero sviluppo della persona”.

Tra i beni comuni troviamo i fiumi, i torrenti e le loro sorgenti; i laghi e le altre acque ; l’aria; i parchi, le foreste e le zone boschive ; le zone montane di alta quota , i ghiacciai e le nevi perenni; i lidi e i tratti di costa dichiarati riserva ambientale ; la fauna selvatica e la flora tutelata; i beni archeologici , culturali, ambientali e le altre zone paesaggistiche tutelate; le opere destinate alla difesa ; le spiagge e le rade ; le reti stradali , autostradali e ferroviarie ; lo spettro delle frequenze ; gli acquedotti ; i porti e gli aeroporti di rilevanza nazionale ed internazionale; le case dell’edilizia residenziale pubblica, gli edifici pubblici adibiti a ospedali, istituti di istruzione e asili e le reti locali di pubblico servizio.

Attualmente questi beni non sono protetti da un potenziale intervento di privatizzazione e dal conseguente trattamento secondo logiche di profitto; per questo il Comitato Popolare di Difesa dei Beni Pubblici e Comuni “Stefano Rodotà” si sta impegnando a raccogliere il numero firme necessario a presentare in Parlamento la legge di iniziativa popolare per i beni comuni .

Questo disegno di legge è stato elaborato nel 2007 su incarico del Governo da una commissione di giuristi presieduta da Stefano Rodotà. il testo, nonostante non abbia avuto un seguito legislativo, ha introdotto all’interno del dibattito politico e pubblico il tema dei beni comuni, ispirando ad esempio la campagna dei referendum del 2011, che ha avuto come oggetto, tra gli altri, l’acqua “bene comune”.

L’aspetto innovativo di questa proposta di legge sta nel fatto che non si limita a porre delle regole alla privatizzazione dei beni dello Stato, ma si frappone all’interno della dicotomia tra pubblico e privato. Infatti vengono posti al centro del concetto di bene comune i diritti fondamentali degli individui, il libero sviluppo della persona e la tutela delle generazioni future prima di qualsiasi definizione di proprietà.

Non si tratta quindi di schierarsi contro la proprietà privata e a favore di quella pubblica, ma di impedire che la gestione di tali beni essenziali per la vita degli individui prescinda dalle esigenze della comunità.

Il Comitato è presieduto e promosso da Ugo Mattei, professore di diritto a Torino e in California e da altri giuristi. L’impegno è di raccogliere in tutta Italia almeno 50.000 firme entro fine luglio; accanto a questa iniziativa in un ottica di lungo periodo, si stanno raccogliendo adesioni per la Cooperativa Intergenerazionale di Mutuo Soccorso, una struttura finalizzata a creare una rete permanente diffusa a livello nazionale per l’esercizio della sovranità popolare, attraverso gli strumenti di democrazia diretta (Referendum, Legge di Iniziativa Popolare, Petizione) e di azione giudiziaria, informazione e alfabetizzazione ecologica in difesa dei beni comuni.”

a cura di Camilla Zoppolato

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito https://generazionifuture.org e sulla pagina Facebook “Comitato Popolare Difesa Beni Pubblici e Comuni Stefano Rodotà”

PER APPROFONDIRE

Stop alla plastica: con le borracce in consiglio comunale

Il gruppo consiliare del Movimento Civico Lista per Pioltello-Vivere Pioltello

Stop alla plastica e iniziamo a dare l’esempio in consiglio comunale. La lotta all’inquinamento prodotto dalle plastiche è diventata negli ultimi tempi una emergenza mondiale e ognuno di noi è chiamato a fare la sua parte. E’ il momento di dare una accelerata a nuove politiche ambientali e buone prassi.

Senza bottigliette e con le borracce: ci siamo presentati così al consiglio comunale di mercoledì 15 maggio e confidiamo possa diventare buona prassi per tutti. La sindaca ha assicurato che prossimamente non ci saranno più bottiglie di  plastica in comune ma materiali eco-sostenibili recependo la mozione votata il mese scorso dal consiglio comunale e presentata dal capogruppo del Pd Alberto Cazzaniga.

a cura del gruppo consiliare Lista per Pioltello-Vivere Pioltello
Mirko Dichio, Marta Cervi, Antonello Avalli e Fabiano Gorla

Biglietto unico, biglietto iniquo ?

Da luglio, per viaggiare su bus, metrò e tram basterà finalmente un solo biglietto, valido per prendere tutti i mezzi e il cui costo non dipenderà più dal mezzo ma solo dalla distanza. Una bella comodità ed un bel risparmio sugli abbonamenti mensili ed annuali.

Per ora però il treno resta fuori da questo accordo e con esso le corse del passante ferroviario, che sono la “metropolitana” di Pioltello. Quindi i pendolari della nostra città rischiano addirittura di essere penalizzati, da questa importante novità.

Per sapere come cambiano i costi, perché il treno è fuori e cosa possiamo fare perché il biglietto unico sia un vantaggio per tutti, vieni all’incontro pubblico del 7 giugno a Limito, organizzato dalla Lista per Pioltello alle ore 21 presso il centro civico di piazza don Milani.

All’incontro saranno presenti la consigliera regionale civica Elisabetta Strada, la consigliera metropolitana con delega ai trasporti Siria Trezzi, l’assessore ai trasporti di Pioltello Giuseppe Bottasini ed il capogruppo della Lista e sindacalista dei trasporti Mirko Dichio. Introdurrà la sindaca di Pioltello Ivonne Cosciotti e modererà gli interventi e le domande del pubblico Lucia Lanzanova, coordinatrice del nostro Movimento.

Social Run again !

Domenica 9 giugno 2019 dalle 9.30 al Parco della Besozza, la seconda edizione di “Social Run”, corsa non competitiva su due distanze (3 e 6 km).

Il ricavato della corsa è destinato da due progetti di cooperazione internazionale: “Bio-Orti” scolastici in Perù, che si propone di educare alla buona e sana alimentazione i bambini che vivono in territori in cui non cresce più nulla, a causa dell’agricoltura intensiva e pesticidi chimici, e “Creciendo Unidos” in Colombia, con l’obiettivo di aiutare con percorsi di scolarizzazione ragazzi e giovani, spesso presi come “bambini soldato”, o coinvolti in lavoro minorile e nella tratta prostituzione.

La Social Run è una splendida ’iniziativa, interamente organizzata dai ragazzi della Centro di Aggregazione Giovanile di Pioltello e della Social Team, che con straordinari impegno e sensibilità si sono messi in gioco “ spiega l’assessora alle Politiche Giovanili, Scambi culturali e cooperazione internazionale Jessica D’Adamo La gara del 9 giugno è aperta a tutti, si corre ma si può anche camminare e passeggiare, l’anno scorso vennero anche delle mamme con il passeggino!

Tutti i dettagli e iscrizioni sulla pagina del sito del Comune.

Una LIM in ogni classe, un iPad ad ogni studente

Il 29 maggio sono stati consegnati i primi tablet Apple agli insegnanti delle scuole medie di Pioltello, anticipazione della consegna a settembre di un iPad ad ogni studente.

Parte da qui la rivoluzione digitale delle scuole della nostra città: una LIM (lavagna interattiva multimediale) in ogni classe elementare, un tablet nello zaino di ogni studente delle medie, accompagnati da oltre 250 ore di formazione rivolta agli insegnanti e supportati dalla connessione in fibra ottica di tutti gli edifici scolastici.

La scuola è la prima forma di Stato che i nostri ragazzi conoscono ed è la più grande occasione per partire tutti con le stesse opportunità. Per questo l’Amministrazione Comunale di Pioltello è impegnata a farne una eccellenza. Più di mezzo milione di investimenti straordinari, per dotare tutti i ragazzi delle nostre scuole dei migliori strumenti e per aiutare i docenti ad usarli al meglio. Altri 150.000 euro di acquisti per irrobustire le reti locali nelle scuole ed il collegamento in fibra verso internet.

Un grande lavoro di coordinamento con le scuole, portato avanti dall’assessora all’istruzione Gabriella Baldaro, dall’assessore all’edilizia scolastica Simone Garofano e dall’assessore alle infrastrutture Giuseppe Bottasini con gli uffici scolastico, tecnico ed informatico del Comune.

Buone notizie: il Nuovo Parco Pertini è concluso e aperto…Olè!

Ecco una gran bella notizia: il Parco Pertini è ufficialmente concluso e aperto. Sono stati ultimati i lavori e la città ha ora una nuova area verde e giochi nata dalla riqualificazione dell’area dell’ex-Rotolito tra via Moro e via Amendola.

Come è oggi il Parco

L’area è attrezzata con prato, piante e aree con giochi e superficie in gomma anti trauma. Il parco si trova tra la via Amendola e la via Aldo Moro. Su quest’ultima sono stati realizzati nuovi parcheggi a spina di pesce sulla strada, andando a rispondere a un’esigenza dei residenti. E’ stata inoltre ripristinata la fermata dell’autobus.

I lavori per la trasformazione dell’area

Siamo felici di aver contribuito a riconsegnare alla città una zona riqualificata che fino a pochi anni fa vedeva quotidianamente il passaggio di autoarticolati a servizio dell’azienda presente e soprattutto di averla ridisegnata a misura di cittadino. Ora trattiamola bene e utilizziamola al meglio. Passate a vederla e a viverla!

A cura di Fabiano Gorla
Consigliere comunale Lista per Pioltello

Eccezionale, 5000 pioltellesi a teatro!

Annata strepitosa per la rassegna di teatro in classe. Oltre 50 spettacoli e un pubblico che di giorno in giorno è cresciuto fino ad arrivare a contare oltre 5000 presenze. Di seguito un report dell’assessore Gabriella Baldaro e una doverosa carrellata fotografica. Complimenti a tutti!

Cala il sipario sulla XXXII Rassegna Teatro in classe.La Rassegna del “Teatro in classe” costituisce un appuntamento culturale importante per la città.

Il teatro è una tradizione che viene rinnovata e valorizzata da più di trent’anni qui a Pioltello. Nel mese di maggio, le scuole portano in scena i loro spettacoli teatrali, strumenti efficaci per veicolare valori come la LA PACE, LA FRATELLANZA DEI POPOLI e la LEGALITA’

Io sono particolarmente orgogliosa e fiera di poter mantenere viva questa tradizione culturale nelle scuole della nostra città.
I laboratori teatrali costituiscono un asse importante dei finanziamenti alle scuole cittadine nel Piano del Diritto allo Studio con i progetti di ampliamento dell’offerta formativa delle scuole.
Tutelare l’arte del teatro significa garantire uno spazio educativo importante per la crescita della persona. Uno spazio che concorre, in maniera complementare, insieme alle discipline curricolari, alla formazione integrale della persona.
Quest’anno, il teatro ha avuto come filo rosso l’educazione alla Pace, Numerosi laboratori hanno trattato il tema: spettacoli, canzoni di pace, elaborazioni video e, all’interno della Rassegna, abbiamo ospitato il Convegno della Pace, con il giornalista Daniele Biella e la Rete per la Pace, a cui hanno partecipato oltre 400 studenti delle Scuole Secondarie di primo e secondo grado della nostra città.
Una cinquantina di spettacoli tra le serate e le repliche mattutine per le scuole hanno animato la Sala Consiliare che è diventata, nel mese di maggio, il Teatro più bello della Martesana, carico dei colori più belli della fratellanza dei popoli.

In una società dominata dal progresso tecnologico, dalle mode, dagli status symbol, parlare di educazione alla bellezza è importantissimo, perché si abituano i ragazzi a ricercare sempre la bellezza delle cose.

Continuiamo a educare i nostri ragazzi all’arte e alla bellezza anche attraverso il teatro, affinché rimangano sempre vivi in loro la curiosità e lo stupore.
Ringrazio per il coordinamento della Rassegna il  prof Barbarello, che ne è il curatore artistico da trantadue anni e che dirige questa importante manifestazione culturale con professionalità e competenza. L’ufficio scuola e  gli esperti di teatro che hanno curato la regia degli spettacoli. Un ringraziamento speciale va a tutti gli studenti che si sono impegnati per la buona riuscita degli  spettacoli e che hanno saputo farci emozionare. Ringraziamenti doverosi e un pluaso speciale agli insegnanti che con il teatro educativo, concorrono alla formazione integrale dei nostri ragazzi, promuovendone l’arricchimento culturale e umano.
La Rassegna, quest’anno, ha visto protagoniste le scuole di ogni ordine e grado: dai bambini della Scuola dell’Infanzia agli studenti degli Istituti Superiori. Grande soddisfazione per la buona riuscita degli spettacoli e per i messaggi che gli attori hanno saputo trasmettere.
Arrivederci al prossimo anno!

a cura di Gabriella Baldaro
Assessore alla scuola

Nuove nomine per la Consulta Culturale: eletta Benedetta De Pieri

Il consiglio comunale di Pioltello ha istituito in data 21 marzo la Consulta Culturale quale organo consultivo e propositivo del Comune che contribuisce alla promozione e al consolidamento delle potenzialità culturali presenti sul territorio. Questa nuova consulta si affianca alle già presenti consulte sportiva e interculturale.

Obiettivo primario è di rafforzare e supportare le culture presenti a Pioltello considerandole un valore aggiunto e cercando di mettere in rete le diverse realtà associative, di volontariato, gli enti pubblici e i privati che operano sul nostro territorio. Le sinergie messe in gioco dalla Consulta sono finalizzate ad elaborare e facilitare politiche culturali e la realizzazione di iniziative nonché di indirizzare le forze politiche, sociali ed economiche verso specifiche e sentite tematiche culturali. Compongono l’Assemblea della Consulta con diritto di voto: il legale rappresentante di ciascuna delle associazioni iscritte nell’Albo comunale delle associazioni e che abbiano fatto richiesta di partecipazione alla Consulta culturale; un rappresentante designato da ciascuna delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, statali e paritarie, presenti sul territorio comunale;  due rappresentanti eletti dal Consiglio comunale, espressione uno della maggioranza e l’altro della minoranza e un rappresentante designato da ciascuna delle altre consulte comunali. Con piacere

Con piacere registriamo la nomina per la maggioranza (su nostra proposta) della ricercatrice pioltellese Benedetta De Pieri a cui facciamo gli auguri di un proficuo lavoro; per le minoranze è stato eletto Giovanni Marano.

A cura di Marta Cervi
Consigliere Comunale Lista per Pioltello

L’assessore Bottasini a Radio Rai Uno

Giuseppe Bottasini
Assessore all’ambiente

L’assessore Giuseppe Bottasini è intervenuto alla trasmissione “Andata e Ritorno, viaggio nel paese reale” condotta da Francesco Graziani su Radio Rai Uno. L’idea del tutor condominiale è stata presa ad esempio per parlare di buone pratiche da parte di una amministrazione locale in campo di ambiente e rifiuti. L’intervista, che si può ascoltare nel link che segue, è stata aperta con la frase “…e poi per fortuna ci sono anche gli uffici che la vita cercano di risolvertela per fare canestro con la differenziata..”. Complimenti per il lancio di questa iniziativa che siamo certi possa portare ad un miglioramento della qualità della raccolta differenziata locale. Ecco l’audio dell’intervista con curiosi commenti degli ascoltatori che ne richiedono “il trasferimento per intervenire su Roma”.

A Pioltello arriva il Referendum Consultivo

Nel Consiglio Comunale che si è svolto il 15 maggio 2019, presso il Centro Civico in piazza Don Milani a Limito, è stato approvato all’unanimità il Regolamento sul Referendum Consultivo (vedi il testo), che è stato elaborato da tutte le forze politiche rappresentate dai capigruppo, con la presenza del Presidente del Consiglio di Pioltello.

Nello Statuto Comunale in vigore dal 18-12-2002 e con ultima modifica con deliberazione n.67 del 9-10-2006 ,  è inserito Art. 44 “Referendum Consultivo” (che ha facoltà di esprimere pareri, ma non di deliberare),  dove si fa riferimento alla partecipazione e dove i cittadini italiani residenti sul territorio nel Comune a partire dal sedicesimo anno di età sono chiamati a pronunciarsi in merito a programmi,  piani , progetti,  etc.

Mancava un Regolamento sul Referendum Consultivo, che declinasse con vari articoli come indire questa iniziativa e quali finalità, il comitato promotore, insomma le regole, tutto quello che deve essere fatto per portare la cittadinanza a esprimersi con il proprio voto, è stato colmato questo vuoto, è un ulteriore passo per la partecipazione da parte dei cittadini alla vita della nostra Città.

Un altro passaggio più corposo che ci attende  è un aggiornamento dello Statuto Comunale, che impegnerà non poco tempo le forze politiche, ma su questo argomento, ne riparleremo a tempo debito.

a cura di Antonello Avalli
Consigliere Vivere Pioltello

Egidia Beretta madre di Vik incontra gli studenti di Pioltello

Prima dell’intitolazione del parco di Via Bizet a Vittorio,-scrive Egidia Beretta in un post il giorno seguente l’intitolazione del parco al figlio– ho avuto un lungo incontro con gli studenti della classe 3 L della scuola media “Mattei – Di Vittorio” di Pioltello e con una quinta elementare.
Sfoglio il quadernone che mi hanno dato.
… e la speranza non muore più…

Giovedì 9 maggio Egidia Beretta ha incontrato alcune classi delle scuole di via Bizet. E’ stato un’ora intensa nella quale la madre ha raccontato l’infanzia e i sogni di Vittorio da bambino. Ha risposto alle decine di domande poste dai ragazzi delle scuole che tramite approfondimenti in classe avevano studiato la vita, le motivazioni e gli scritti di Vittorio Arrigoni. E’ stato un momento forte e commovente che ha emozionato tutti i presenti. I ragazzi hanno saputo cogliere a pieno la sfida in difesa dei diritti umani lanciata da Vik e raccontata dalla mamma. I ragazzi hanno poi donato un libro ricco delle riflessioni raccolte nelle settimane precedenti all’interno dei laboratori in classe

Qui si seguito riportiamo alcuni dei testi più significativi che la madre ha voluto rilanciare

“Suo figlio ci ha insegnato tanto!
Ci ha insegnato che girare le spalle e far finta di non vedere non risolve nulla; ci ha insegnato che davanti alle tante decisioni che si possono prendere quella più comoda non è la migliore”

“Il ricordo delle persone che ci sono state care vivrà per sempre nei nostri cuori: più forte di qualsiasi abbraccio, più importante di qualsiasi parola.
Suo figlio è uscito dalla vita, ma non dalla nostra vita.
Come potremmo crederlo morto se è così vivo nei nostri cuori”

” A tutti quelli
dalle bombe dilaniati
che sono stati sepolti lì dove
ogni speranza muore.
A tutti quelli
che come ultima cosa
hanno visto il loro campo coltivato
A tutti quelli
che salutano i padri
e non tornano più
A te Vittorio che
adesso sei lì su
E la speranza non muore più”

Egidia ha regalato alla scuola i libri di Vittorio

a cura di Fabiano Gorla

Aiuta il tuo condominio a non prendere multe!

Se ci tieni all’ambiente e ti arrabbi ogni volta che trovi la plastica sporca di cibo nel bidone dell’umido e le lattine mescolate al vetro, sei il candidato ideale per diventare Tutor Condominiale: una nuova figura che aiuta il proprio condominio a non sbagliare a fare la raccolta differenziata ed ad evitare così possibili multe.
Per scoprire come, vieni senza impegno Sabato 18 maggio 2019 alle ore 9.30 nella sala eventi della Biblioteca di Pioltello, alla presentazione di questo nuovo progetto, ideato dal Comune di Pioltello con AMSA per migliorare la qualità della raccolta differenziata.

Giuseppe Bottasini (Assessore all’Ambiente)

Sigilli all’ex-Itam di Seggiano

Venerdì 10 Maggio 2019, ore 08:30 del mattino, dinnanzi ai cancelli di quella che fu una volta la Tailor  Industry (e prima ancora la gloriosa ITAM) sono giunti i militari dell’arma dei carabinieri per apporre i sigilli agli ingressi. Ai carabinieri va il plauso per il costante lavoro di monitoraggio dell’Area dismessa. La loro azione più incisiva risale ad ottobre del 2017. Questo immenso corpo industriale, che va da Via del Santuario a Via Brasile, nel cuore di Seggiano è in stato di abbandono dal marzo del 2014, momento in cui se ne è dichiarato il fallimento. Purtroppo la parabola di questo impianto (inizialmente Itam) è stata discendente, visto che dai primi anni settanta di costante crescita (innovando i macchinari e arrivando intorno al 2000 all’incredibile aggiudicazione delle forniture dei tessuti per le divise della nazionale di calcio italiana e alla realizzazione dei costumi di uno dei più grandi nuotatore di tutti i tempi, l’australiano Ian Thorpe), negli ultimi anni di attività ha avuto un repentino tracollo che  ne ha decretato la chiusura delle attività nel 2005. Alla Itam è poi subentrata la Tailor Industry che a fine anno 2013 ha  scritto la parola fine alla storia di un’eccellenza industriale che negli anni d’oro aveva creato oltre 150 posti di lavoro, anche per moltissimi pioltellesi.

Ciò che ha fatto più male ai residenti della zona è stato vedere l’abbandono di questa immensa area, sulla quale a più riprese la nostra Amministrazione ha mostrato il suo interesse, ma sulla quale non poteva intervenire, in quanto sotto tutela di un Curatore Fallimentare. L’abbandono e l’incuria degli anni, ne ha fatto rifugio di fortuna e luogo di attività illegali, in cui il degrado ne è diventato il tratto distintivo. Nel tempo, numerose sono state le segnalazioni degli abitanti del quartiere. Questa è un’aria strategica per la frazione di Seggiano, in quanto attigua ad uno dei due centri di aggregazione giovanile del territorio, l’oratorio della parrocchia (l’altro è il CAG) e, per questo motivo, a maggior ragione l’attuale Giunta ha fatto quanto le era possibile, per il tramite dell’impegno costante della nostra Polizia Locale. .Oggi finalmente potremmo trovarci di fronte a un’opportunità di riqualificazione dell’area, a patto che ognuno faccia la sua parte, a partire da Regione Lombardia. Sarebbe desolante se la questione del presidio di quest’area industriale venisse “scaricata” sulla nostra città.

a cura di Mirko Dichio
Consigliere comunale Lista per Pioltello