Inaugurato il Parco dei Bambini di Cernobyl

Alla presenza dei veri protagonisti, cioè i bambini e le bambine di Cernobyl ospitati nella nostra città per un periodo di vacanza e di salute, il 26 giugno è stata inaugurato il Parco a loro dedicato sopra il tunnel della Cassanese. I piccoli ospiti, accompagnati dai volontari dell’Associazione 26 Aprile, hanno partecipato alla posa di dieci alberi di melograno, collocati a semicerchio intorno ad una aiuola fiorita rialzata.

Con questo primo gesto il Parco, già molto frequentato dai cittadini per piccole passeggiate,  inizia a assumere una propria identità, che richiederà altri interventi di abbellimento e arredo urbano per essere completato. Magari sfruttando l’opportunità offerta dal bilancio partecipativo discusso la stessa sera in consiglio comunale.

Annunci

Cresce la Rete Antimafia Martesana

 

La Rete Antimafia Martesana Aps è diventata formalmente associazione. 13 soci fondatori hanno firmato l’atto costitutivo lo scorso 17 aprile davanti al notaio . E’ il punto di arrivo di un percorso preparatorio iniziato quasi due anni fa con lo scopo di unire le forze dell’antimafia in modo trasversale sulla Martesana.

L’associazione, come da articolo 3 dello Statuto, prevede di perseguire una serie di attività tra cui “promozione della cultura della legalità, della pace tra i popoli, della non violenza e della difesa non armata; formazione extra-scolastica, finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica e al successo scolastico e formativo, alla prevenzione del bullismo e al contrasto della povertà educativa; promozione e tutela dei diritti umani, civili, sociali e politici, nonché dei diritti dei consumatori e degli utenti delle attività di interesse generale di cui al presente articolo, promozione delle pari opportunità e delle iniziative di aiuto reciproco; riqualificazione di beni pubblici inutilizzati o di beni confiscati alla criminalità organizzata”.

IMG_20180119_212357

Il primo Consiglio Direttivo è composto da 13 membri: Marco Picello (presidente), Caccia Giampietro, (vicepresidente), Del Monaco Anna (segretaria), Gorla Francesca (tesoriere), Consonni Luigi, Di Adamo Angelo, Gorla Fabiano, Mazzeo Martina, Mosca Giovanni, Motta Samuele, Ruffoni Mattia, Villa Micol, Rolla Antonio. I membri sono attualmente provenienti da Bellinzago, Inzago, Pioltello, Trezzo sull’Adda e Gorgonzola.

In quest’ultima annata la Rete ha organizzato alcuni eventi formativi tra cui, una serata di conoscenza e riflessione su Lea Garofalo, la presentazione del libro “Passaggio al Nord. La colonizzazione mafiosa” del prof Dalla Chiesa e una presentazione della tesi di Mattia Ruffoni sul Fenomeno Mafioso a Pioltello.

Costituitasi ora in associazione, la rete apre la campagna di adesione e tesseramento, momento importante in cui allargarsi e estendersi sui territori e raccogliere tutte le forze che ne condividono gli obiettivi. E’ possibile richiedere il modulo e consegnarlo direttamente in una riunione del coordinamento  contattando reteantimafiemartesana@gmail.com

La Rete Antimafia Martesana si incontra con cadenza mensile nei locali del Centro di Cultura Popolare in piazza Garibaldi a Pioltello, importante luogo simbolico in quanto bene confiscato alla mafia locale

Pubblicato il Bando per l’area ristoro del Parco della Besozza

30706861_10216135269835336_6538423246654537728_n

Dopo un lungo lavoro, finalmente è arrivato il bando per la assegnazione dell’area ristoro nel Parco della Besozza. Col bando vengono dati in gestione l’area ristoro, parte dell’area verde, l’area barbecue ed i bagni, puntando ad una presenza stabile in questo bellissimo angolo della nostra città, presenza finora garantita in modo volontario dalla Protezione Civile.

Il bando è pubblicato sul sito del comune con tutti i documenti e le planimetrie annesse. Le domande di partecipazione devono essere presentate entro le ore 18 del 17 luglio 2018.

30725345_10216135269715333_7078574117804310528_n

L’assessore ai parchi ed all’ambiente Giuseppe Bottasini è soddisfatto: “Abbiamo lungamente lavorato a questo bando, per trovare un giusto equilibrio tra l’esigenza di facilitare la fruizione del Parco da parte dei cittadini, con l’insediamento di un punto ristoro che faccia anche da presidio dell’area,  e il dovere di salvaguardare il valore ambientale del Bosco, con una  flora ed una fauna unici. Confidiamo che il mix di attività ricreative e sportive consentite dal bando renda interessante la partecipazione al bando”. L’assessore ha anche colto l’occasione per ringraziare gli uffici che hanno lavorato per la predisposizione del bando ed in particolare la dirigente del settore tecnico Rita Taraschi, Laura Nichetti  dell’Ufficio Ecologia ed il funzionario Nico Lesage.

Continua a leggere “Pubblicato il Bando per l’area ristoro del Parco della Besozza”

Giovanni Rizzi nel Parco delle Cascine

Dagli archivi della Lista per Pioltello, ecco il filmato girato nel 1992 da Marcello Moriondo per conto del Comitato Antinquinamento di Pioltello (uno dei movimenti da cui è nata la Lista nell’inverno 1992-1993), in cui Giovanni Rizzi, figura storica dell’ambientalismo locale scomparso pochi mesi fa, ci presenta il Parco delle Cascine:

Di questo filmato erano precedentemente disponibili due estratti, questa invece è la versione integrale, coi titoli di testa e di coda e con l’accompagnamento musicale originale di Arioli con canzoni dedicate alla nostra città.

Report del Consiglio comunale del 7 giugno 2018

Il  Consiglio Comunale del 7 giugno si è aperto con la commemorazione da parte del Presidente Menni della figura di Aldo Moro in occasione del 40° anniversario della sua uccisione. In particolare il presidente ha citato una frase importante dello stesso Moro Non è importante che pensiamo le stesse cose, che immaginiamo e speriamo lo stesso identico destino, ma è invece straordinariamente importante che, ferma la fede di ciascuno nel proprio originale contributo per la salvezza dell’uomo e del mondo, tutti abbiano il proprio libero respiro, tutti il proprio spazio intangibile nel quale vivere la propria esperienza di rinnovamento e di verità, tutti collegati l’uno all’altro nella comune accettazione di essenziali ragioni di libertà, di rispetto e di dialogo.
Ha ricordato inoltre Sacko Soumayla, il migrante attivista sindacalista maliano ucciso in Calabria e le pesanti condizioni di sfruttamento nella piana di Gioia Tauro dove si percepisce in modo molto forte l’assenza dell’istituzione.  In chiusura non è mancato un sincero augurio al nuovo governo insediatosi.
All’intervento del Presidente Menni è seguito quello della Sindaca Ivonne Cosciotti che ha dichiarato il suo augurio personale al nuovo presidente del Consiglio Conte.
Alla figura del Presidente della Repubblica Mattarella è andato un grazie per la gestione dei 90 giorni che hanno preceduto la formazione del nuovo governo.

Tra le comunicazioni la Sindaca Cosciotti evidenzia che per il periodo estivo è in programma una fitta serie di eventi che vedrà nell’Area Feste il suo punto di incontro per la cittadinanza. Le iniziative si apriranno con la Festa dello Sport. Il periodo estivo sarà inoltre dedicato alle opere di manutenzione nelle scuole.
Viene comunicato inoltre che il Comune di Pioltello ha superato la prima fase del Bando Europeo UIA 3 e propone infine un minuto di silenzio in ricordo di Sacko Soumayla.

Dopo l’approvazione dei verbali delle sedute precedenti, il Consiglio Comunale inizia con una serie di interrogazioni.

Continua a leggere “Report del Consiglio comunale del 7 giugno 2018”

Il Bilancio Partecipativo: decidi tu una parte del bilancio comunale

download

Il Bilancio Partecipativo è in rampa di lancio. Lo avevamo promesso ed eccoci finalmente a farne il primo annuncio. Come Lista è un argomento che avevamo fortemente voluto inserire nel programma di mandato e su cui avevamo già effettuato un  primo incontro pubblico ad aprile 2016

Nel Documento Unico di Programmazione 2017/2019 lo abbiamo segnato tra gli obiettivi e le azioni: “Per consolidare la prima fase sperimentale e facilitare lo sviluppo delle relazioni tra i “cittadini attivi”, dal secondo anno …. predisporremo il Regolamento attuativo e finanzieremo progetti di cura condivisa nell’ambito del Bilancio Partecipativo”.

Da tempo, all’interno della maggioranza con cui stiamo governando la città, è stato attivato un gruppo di lavoro “Bilancio Partecipativo” per costruirne la cornice e il regolamento, che dovrà passare al vaglio della Commissione  Bilancio ed essere poi approvato in Consiglio comunale.

downloadDi cosa si tratta? Il Bilancio Partecipativo è uno straordinario strumento di democrazia diretta, attraverso il quale i Cittadini  partecipano attivamente alle decisioni che riguardano l’utilizzo e la destinazione delle risorse economiche dell’Ente, avendo l’opportunità di poter realizzare alcune scelte istituzionali insieme all’Amministrazione e di saper fare alcune scelte di governo per il territorio nel modo più condiviso.

In pratica ognuno (singolo cittadino, gruppi, associazioni) potrà proporre come e in cosa investire una parte dei soldi pubblici (in alcune aree predefinite tipo Scuola, sport, ambiente, educazione …) e tutti i cittadini saranno chiamati a votare i progetti più meritevoli che saranno subito finanziati e attivati.

Il Consiglio Comunale individuerà annualmente le risorse e i progetti finanziati con apposita deliberazione. Verranno effettuate  fasi di modalità di partecipazione, di raccolta e valutazione delle proposte, di progetti e osservazioni e consultazione della Città. Naturalmente tutto questo avrà un percorso di formazione e comunicazione adeguata, utilizzando affissioni, web ,  social , incontri  che confidiamo poter avviare in autunno.

P1210349

Sarà un ottima occasione per ogni cittadino di partecipare attivamente alla costruzione della città,  dove ognuno può sentirsi coinvolto e responsabile. L’intenzione  è di partire entro fine giugno approvando il regolamento, per avviare a settembre a strutturare la macchina operativa.

Antonello Avalli
Consigliere comunale 
Lista per Pioltello-Vivere Pioltello

Nuova viabilità: novità in via Molise, via Milano e via Galilei

Nel Consiglio Comunale del 7 giugno 2018, a nome del nostro gruppo consiliare, ho chiesto alla nostra Amministrazione quali iniziative si intendano adottare per mettere in sicurezza l’ingresso e l’uscita degli studenti in tutti i plessi scolastici della nostra Città.

Partendo dalle felici esperienze che da molti anni ci sono in prossimità degli ingressi alle scuole di Via Bizet, Via Togliatti e Via Bolivia, abbiamo richiesto di valutare la possibilità di estendere la medesima positiva esperienza sui plessi di Via Molise, Via Galilei, Via Tobagi e Via Milano.

L’assessore alla mobilità Giuseppe Bottasini ha risposto positivamente a tale richiesta (nel video sotto potete ascoltare l’intera risposta), ed ha annunciato che in fase sperimentale, per la durata di un mese alla riapertura delle scuole a settembre, si partirà con la chiusura a tempo delle Vie Galilei e Via Molise, negli orari di ingresso e uscita.

La sperimentazione permetterà di raccogliere i dati sul traffico veicolare nei percorsi laterali e verificarne l’effettivo funzionamento al fine poi di stabilizzare i cambiamenti.

Per quanto riguarda il tratto di Via Milano dalla Croce Verde alla piazza Giovanni XXIII è stata preannunciata la soluzione proposta dal nuovo piano urbano della mobilità sostenibile (il Pums) raccogliendo le indicazioni dei cittadini e commercianti trasformando questo tratto in un  senso unico dall’esterno verso la chiesa. In questo caso i tempi di realizzazione dipenderanno dalle autorizzazioni a variare i tracciati degli autobus e quindi restiamo ancora in attesa della conferma, già avanzata,  dell’Agenzia del Trasporto pubblico di Città Metropolitana sul nuovo tracciato di transito degli stessi. Dopo vent’anni di attesa possiamo ipotizzare di arrivare, compatibilmente coni tempi di tale risposta, a sperimentare questa soluzione che ormai è stata delineata e ampiamente richiesta oltre ad essere anche molto logica.

Per via Tobagi attualmente vi sono riflessioni attente, in quanto essendo in prossimità della stessa via Galilei, potrebbe ingenerare serie difficoltà nella viabilità della zona, ed ha pertanto bisogno alcune maggiori valutazioni.

_DSC2230 (2)Ringrazio gli uffici che hanno partecipato all’avvio della fase sperimentale, ma soprattutto la Polizia Locale che dovrà occuparsi di fare rispettare le suddette limitazioni del traffico, in fase di ingressi e uscite da scuola.

 

a cura di Mirko Dichio
Capogruppo in Consiglio comunale
Lista per Pioltello-Vivere Pioltello

Approvata in consiglio comunale mozione sul disarmo: #ItaliaRipensaci

Il consiglio comunale del 7 giugno 2018 ha approvato la mozione che ho presentato a nome del gruppo nostro gruppo consigliare e che  impegna la giunta a inviare a governo e parlamento richiesta di ratifica del Trattato Onu sull’abolizione delle armi nucleari. Può sembrare una tematica molto lontana ma è di notevole attualità basti pensare alle schermaglie quotidiane dei potenti della terra e le minacce di usare questa armi devastanti nei conflitti attuali.

22691_a45127

Anche noi abbiamo la nostra parte avendo sul territorio lombardo una quarantina di testate nucleari stipate nelle basi di Ghedi a Brescia, e pertanto abbiamo il dovere morale ed etico di non rimanere in silenzio, ancor più nel momento storico in cui, 72 anni dopo lo scoppio dell’atomica, è finalmente stato firmato un Trattato di Abolizione delle stesse il 7 luglio dello scorso anno. Un lento ma inesorabile fronte popolare di associazioni e movimenti (circa 500) sta portando in tutto il mondo richiesta di fare questo grande passo per l’umanità. Questo movimento ha ottenuto il Nobel per la Pace nel 2017. Ben 10 nazioni hanno già ratificato il Trattato che diventerà effettivo alla firma del cinquantesimo stato.

E’ un percorso che è giusto intraprendere ed insieme a molte altre amministrazioni locali vogliamo chiedere che il nuovo governo si impegni a prendere una posizione che sappia guardare con speranza al futuro. La mozione è stata votata dai consiglieri presenti di Lista per Pioltello, Vivere Pioltello, PD, Socialisti, Movimento Cinque stelle, Forza Italia e Progetto Pioltello. Unico astenuto in sala il presidente del consiglio Menni.

FabianoGorlaLa sindaca ha poi ribadito il suo impegno personale e della nostra città a sostenere ogni percorso di pace, come già avvenuto recentemente con la serata condivisa con la Rete per la Pace Pioltello su questo tema e come avverrà con la partecipazione alla marcia Perugia- Assisi del 7 ottobre.

Fabiano Gorla
Consigliere comunale
Lista per Pioltello -Vivere Pioltello

Lucia Lanzanova è la nuova coordinatrice della Lista per Pioltello

v09-lanzanovaL’assemblea straordinaria tenutasi venerdì 29 maggio 2018 ha portato all’elezione della nuova coordinatrice della Lista per Pioltello: Lucia Lanzanova. Lucia è stata eletta dalla maggioranza degli aderenti che inoltre ha votato anche l’inserimento di tre nuovi membri nel coordinamento: Fabio Atzeni, Antonio Mannarà e Saverio Gigante.

Lucia si è candidata nel nostro movimento politico alle ultime elezioni del 2016. Da sempre abita a Pioltello.  Laureata in economia politica alla Bocconi di Milano, giornalista, ha diretto per molti anni l’Istituto Cooperazione Economica internazionale (ICEI) , Onlus che si occupa di Paesi in via di sviluppo e di immigrazione. Per cinque anni ha coordinato sul territorio nazionale i comitati di volontari del Telefono Azzurro. I tanti viaggi all’estero e in Italia hanno alimentato la sua passione e la curiosità per i popoli e le diverse culture.  Dal 2000 opera in città come agente di viaggio.

Lucia è entrata con forza e tenacia nella politica del nostro movimento. Attenta alle tematiche della multiculturalità e alla difesa del territorio raccoglie la sfida di un movimento che sta amministrando la nostra città cercando di portare innovazione, interventi verso le fasce più bisognose, difesa del territorio e capacità di leggere i segni di cambiamento che la  città stessa sta sviluppando.

Insieme a Lucia Lanzanova il coordinamento della Lista per Pioltello è attualmente composto da: Roberto Cambria, Marino Prandini,  Stefano Ceriani, Antonio Mannarà, Fabio Atzeni, Saverio Gigante; i consiglieri Mirko Dichio, Antonello Avalli, Marta Cervi e Fabiano Gorla; gli assessori Gabriella Baldaro e Giuseppe Bottasini e la nostra sindaca Ivonne Cosciotti. Restano confermati nel ruolo di garanti Gianni Moretti e Remo Cervi.

Buon lavoro Lucia!

“Malvisi la città senza sorrisi”

Rilanciamo questo significativo intervento della Professoressa Maria Rendani della scuola  Iqbal Masih a conclusione di una annata che era partita tra grandi polemiche e che si è trasformata in occasione di lavoro e di un ottimo laboratorio di integrazione.

Venerdì 18 maggio si è concluso il progetto “Integrando si impara” svolto dalla prima C e dalla prima D dell’Iqbal Masih di Pioltello che ha avuto come filo conduttore il tema dell’integrazione, la lotta al pregiudizio, e la valorizzazione della diversità attraverso la metodologia didattica delle classi aperte. Lo spettacolo portato in scena in aula consiliare “Malvisi la città senza sorrisi”, ha rappresentato l’epilogo di un lavoro iniziato ad ottobre con un unico scopo, far interiorizzare ai ragazzi, attraverso la sperimentazione e l’esperienza condivisa, i concetti di integrazione e multiculturalità, di pregiudizio e punto di vista, di diversità e uguaglianza.

33660442_1678766628880847_605247061935259648_n (2)

Queste due classi all’inizio dell’anno scolastico sono state oggetto di critiche e polemiche, per la loro fisionomia eterogenea. I ragazzi hanno dovuto rielaborare un profondo malessere: la classe prima C, additata come la classe «ghetto», ha manifestato un profondo dispiacere e un senso di non accettazione e inadeguatezza. La classe prima D, definita classe d’élite, ha sentito il bisogno di esprimere a tutti il sentimento di solidarietà e rispetto nei confronti dei compagni, percepiti come compagni di vita e di crescita, indipendentemente dalla provenienza o dall’origine. Attraverso attività laboratoriali finalizzate all’acquisizione di quelle competenze personali, interpersonali e interculturali che consentono agli alunni di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e, strettamente collegate, al benessere personale e sociale, le due classi hanno lavorato insieme nel rispetto delle differenze di tutti e dell’identità di ciascuno. Inizialmente i due gruppi classe hanno effettuato esercizi di conoscenza reciproca al fine di favorire un clima accogliente per le attività laboratoriali previste per l’intero anno scolastico. Successivamente hanno analizzato il significato esplicito ed implicito del film Hotel Transylvania attraverso un confronto con la loro realtà quotidiana. Hanno partecipato al concorso «Cronisti in classe» indetto dal quotidiano Il Giorno attraverso la realizzazione di un articolo dal titolo “La diversità è un valore” e poi hanno scritto il copione dello spettacolo teatrale presentato durante la Rassegna pioltellese. 33673340_1678766475547529_5986556331786502144_n (2)Lavorare insieme per i ragazzi non è stato semplice perché un’attività cooperativa implica un’interdipendenza positiva cioè l’accettazione dell’altro in quanto tale, diverso da sé. L’eterogeneità di queste classi si manifesta nella presenza di alunni provenienti da contesti socio-culturali diversi, parlanti lingue diverse e depositari di culture diverse tuttavia la diversità è stata vissuta, in ogni attività svolta, come un valore, come una ricchezza, come un modo per confrontare il proprio punto di vista con quello degli altri e crescere attraverso il dialogo e l’accettazione reciproca. Gli alunni con il loro spettacolo hanno voluto dimostrare che a volte certe convinzioni umane ci impediscono di dare il giusto valore alle cose e ci rendono schiavi di inutili pregiudizi ; hanno voluto dare una risposta concreta all’opinione pubblica, dimostrando che l’interazione delle diversità può solo arricchire chi è capace di guardare al di là dei luoghi comuni. Dal palco dell’aula consiliare i ragazzi hanno voluto urlare agli adulti che i compagni con cognomi non italiani sono i nuovi cittadini multiculturali di Pioltello e che non esistono italiani e stranieri ma solo ragazzi che hanno voglia di crescere insieme, di integrarsi, di condividere esperienze di vita e di confrontarsi partendo sempre dalla valorizzazione e dall’accettazione del proprio contesto culturale di provenienza per costruire una propria identità, un’identità nuova, diversa e multiculturale; un’identità frutto dell’interazione tra le diversità.

Assemblea della Lista: “Quali orizzonti per il movimento?”

comitato1

Martedì 29 maggio 2018 ore 21 presso la sede di via Vignola è convocata l’assemblea della Lista per Pioltello a 25 anni dalla sua nascita. L’asssemblea è un momento importante e fondamentale di confronto all’interno del movimento e pertanto sono caldamente invitati alla partecipazione tutti gli aderenti e i simpatizzanti. L’assemblea è pubblica.

Ordine del Giorno

  • Relazione dei garanti
  • Relazione dei gruppi di lavoro in merito a Partecipazione, Trasparenza nonché definizione interventi e tematiche prioritarie del movimento per il 2018-2019
  • Presentazione mozioni e/o variazioni statutarie
  • Discussione assembleare
  • Votazione nuovo coordinatore ed eventuale aggiunta nuovi membri del coordinamento

Besozza anima verde della città

Il Parco della Besozza è stato nelle ultime settimane il centro di diverse attività patrocinate dalla Amminstrazione Comunale, che hanno coinvolto bambini, studenti, ragazzi adulti e… cani.

Il 22 aprile la zona boschiva del Parco ha ospitato un accampamento di due giorni di oltre centocinquanta scout della zona,  in un contesto naturalistico unico a poco più di un chilometro dalle prime case.

 

Il 13 maggio altrettanti ciclisti di tutte le età, provenienti da Segrate e da Pioltello, si sono ritrovati nella zona ricreativa del Parco per Bimbinbici, alla scoperta della natura con FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta): gli studenti del liceo Machiavelli hanno fatto da guide  naturalistiche ai bambini arrivati in bicicletta al Parco in un lungo pomeriggio concluso da merenda e lotteria.

 

Il 20 maggio i protagonisti sono stati i cani da soccorso, che si sono esibiti nella simulazione di recupero delle vittime, ma anche cani addestrati lungo i percorsi di agility, nell’ambito della prima edizione di “Quattro zampe alla Besozza”.

Tante iniziative differenti, che hanno dimostrato la potenzialità di questo gioiello della nostra città, custodito con passione e cura dalla Protezione Civile, da valorizzare sempre più e sempre meglio.

 

 

 

Restiamo Umani – Verso un mondo senza armi nucleari e guerre

Lo scorso venerdì 18 maggio si è tenuto in biblioteca l’incontro dal titolo “Restiamo umani Verso un mondo senza guerre e armi nucleari”. Tematica apparentemente lontana ma molto più vicina di quanto non possiamo pensare; non solo perché quotidianamente se ne parla tramite chi  possiede armi nucleari e ne minaccia l’utilizzo ma anche perché le testate nucleari sono ampiamente presenti sul nostro territorio e le più vicine a noi sono stivate presso la base di Ghedi a Brescia.

In modo esauriente Francesco Vignarca, coordinatore della Rete Disarmo Italiana, ha condotto i presenti lungo la storia delle armi nucleari e a conoscere l’entità del pericolo tuttora presente. Ben 15mila ordigni nucleari sono ancora presenti al mondo sparsi in alcuni paesi, tra cui l’Italia, nonostante quanto successo nella seconda guerra mondiale sia  rimasto impresso nella memoria dell’intera umanità che non vorrebbe mai rivedere e rivivere scene simili. Purtroppo tra l’altro la potenza delle attuali armi nucleari avrebbe una distruttività che porterebbe ad una ricaduta impressionante sull’intero pianeta. Il 7 luglio 2017 presso le  Nazioni Unite 122 paesi hanno votato un Trattato di Abolizione delle armi nucleari che ora ha bisogno di essere ratificato dalle singole nazioni. Parrebbe banale ma non lo è. Per questo motivo si sta muovendo un movimento internazionale di pressione sui governi per arrivare a questa abolizione. Lo stesso governo italiano Gentiloni non ha ratificato questo trattato e riteniamo sia arrivato il momento per far sentire la voce dal basso di cittadini e istituzioni per pretendere che l’Italia prenda una posizione chiara di rifiuto. Finora 10 paesi lo hanno ratificato (ne servono 50 per diventare attivo), primo fra tutti il Vaticano con papa Francesco che ha ospitato in novembre una tre giorni di convegno sul disarmo. La campagna internazionale ha ora ancor più forza dopo aver ricevuto il premio Nobel 2017.

La serata è proseguita con gli interventi del sindaco di Collebeato Antonio Trebeschi e della nostra sindaca Ivonne Cosciotti che hanno condiviso l’importanza che anche le amministrazioni comunali diano segnali chiari e perseguano a livello locale politiche attive sulle tematiche della pace. La serata si è conclusa  con la richiesta della Rete per la Pace alla nostra città di prendere posizione e far arrivare ai nostri governanti una proposta di rivedere la posizione italiana. Alcuni comuni si sono già mossi, è di pochi giorni fa ad esempio una mozione votata all’unanimità a Milano ma anche di singole associazioni o personalità. Lo stesso arcivescovo di Milano ha firmato simbolicamente e pubblicamente il Trattato. Ancora una volta la Rete per la Pace è stata capace di stimolare la nostra città su valori della pace  e della giustizia sociale. Nella serata è stato già annunciata la partecipazione alla Marcia per la Pace Perugia-Assisi 2018 che si svolgerà il prossimo 7 ottobre.

a cura di Fabiano Gorla

Una nuova (web) radio in città

BMR.jpg

Ha aperto a Pioltello una nuova radio, ascoltabile via app sul cellulare. Blu Music Radio è infatti una web radio, che trasmette via internet notizie,  informazioni utili e tanta musica.

 

Da un paio di settimane, BMR ha aggiunto al suo palinsesto una nuova rubrica, il mercoledì mattina appuntamento con la sindaca Cosciotti o con un suo assessore, che proporrà un tema e risponderà alle telefonate degli ascoltatori.

Teatro in classe e progetti educativi

IMG-20180512-WA0018 (1)

Venerdì sera 11 maggio si è tenuta in comune la serata inaugurale della XXXI Rassegna del Teatro in classe dal titolo  “Azioni… in rete”.

IMG-20180512-WA0019

Con la Polizia Locale e le Scuole di ogni ordine e grado della nostra città,  si è svolta una serata di “peer education” attraverso il teatro, per la consapevolezza dell’uso della rete e la prevenzione e il contrasto di fenomeni come bullismo e cyberbullismo.
Durante questa annata è stata utilizzata questa metodologia che prevede l’apprendimento tra pari come insegnamento reciproco; differenti e varie le tematiche trattate: insidie della rete, fake news, sexting, cyberbullismo.
Le nostre Scuole, di ogni ordine e grado,  hanno colto la sfida ed hanno sapientemente lavorato un intero anno  per costruire modelli sani, affinché i giovani, attori e spettatori, sappiano acquisire e trasmettere valori come il rispetto, la legalità e l’attenzione al prossimo.
IMG-20180511-WA0010
Le tematiche trattate recepiscono le indicazioni normative contenute nella recente legge 71/2017 che prevede, nelle scuole, l’attuazione di azioni e misure di prevenzione e contrasto al cyberbullismo.

Gli insegnanti hanno dimostrato grande professionalità e valore nel cogliere la sfida educativa.

Un particolare ringraziamento ai ragazzi e alle nostre scuole, nonché all’assessore alla scuola Gabriella Baldaro e alla nostra sindaca Ivonne Cosciotti che hanno così inaugurato la rassegna teatrale del 2018.

In ricordo del piccolo Sulaiman

IMG-20180512-WA0012La morte di un bimbo di soli 4 anni, Sulaiman Zazai, caduto dal quarto piano del proprio appartamento ha colpito inaspettatamente l’intera città.

Domani sera, domenica 13 maggio, alle ore 20.30, è stato organizzato un momento commemorativo per stringerci intorno a questa giovane famiglia e a tutte le famiglie della piazza. Sarò una momento semplice per raccoglierci e riflettere su questa tragedia. Il ritrovo è previsto davanti al Centro di Cultura Popolare in piazza Garibaldi 1.

Lo stesso centro si renderà disponibile per raccogliere le donazioni in sostegno della famiglia, che ha un altro bimbo piccolo ed è in attesa di un terzo figlio.

Bimbimbici 2018 alla Besozza

besozzaDomenica 13 maggio nel pomeriggio si svolgerà “Bimbimbici – la nuova fiaba della bicicletta”, la manifestazione nazionale che quest’anno arriva, promossa dalla Fiab (Federazione Italiana Amanti Bicicletta) e dai Comuni di Pioltello e Segrate, sul nostro territorio. Il percorso pioltellese avrà come punto di ritrovo la Piazza dei Popoli dalle ore 14 con partenza alle 15. I babyciclisti raggiungeranno il parco della besozza dove si incontreranno con i gruppi che partiranno da San Felice e da Segrate

«Per Pioltello si tratta della prima esperienza – spiega Giuseppe Bottasini, assessore con delega all’Ambiente e ai Trasporti – Abbiamo accolto subito con grande entusiasmo l’invito di Fiab Segrate Ciclabile a partecipare e siamo felici che quest’anno sia il Parco della Besozza, risorsa molto importante del nostro Comune, lo scenario di questa bella manifestazione che vedrà centinaia di bambini pedalare in allegria insieme con le loro famiglie lungo le piste ciclabili cittadine. “

31960170_1758785750880884_5014207458600550400_n

«Sarà sicuramente un’occasione festosa – aggiunge Gabriella Baldaro, assessora con delega alla Scuola – ma anche dal forte valore educativo. È importante sensibilizzare i giovanissimi sull’importanza dell’uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano. Perché, non dimentichiamolo, è da loro che può partire un vero cambiamento di mentalità e stile di vita. Per questo motivo abbiamo voluto coinvolgere in massa tutte le scuole primarie del nostro territorio.”
Alla Besozza si potrà visitare la mostra fotografica sulla natura del Parco, a cura di Ruggero Tagliaferri. Sarà poi offerta una merenda ai partecipanti 
La quota di partecipazione a Bimbimbici è di 3 euro, gratuita per gli associati Fiab (bimbi sul seggiolino gratis). Si raccomanda l’uso del casco.

“Restiamo Umani” serata di altra-informazione su disarmo e armi nucleari

StampaLa Rete per la Pace di Pioltello e l’amministrazione comunale presentano una serata sul tema del disarmo nucleare prendendo spunto dalla firma del primo trattato internazionale per la proibizione delle armi nucleari firmato alle Nazioni Unite lo scorso 7 luglio.

Di armi nucleari se ne sta costantemente parlando da Trump, all’Iran alla Corea del Nord. Quale sarà il percorso per portare avanti questo trattato? Quante sono? Dove sono stoccate? Ce n’è anche in Italia? Perchè? Cosa possiamo fare noi affinché il nostro governo ratifichi questo trattato? Quali azioni possiamo effettuare per il disarmo?

A queste domande proveranno a rispondere Francesco Vignarca il più importante esperto di disarmo italiano e il sindaco di Collebeato Antonio Trebeschi che sta cercando di convogliare le forze degli amministratori locali verso politiche di pace. Sarà presente anche la nostra sindaca Ivonne Cosciotti che in prima persona ha accolto questa proposta e l’ha fortemente rilanciata.

Vi aspettiamo il 18 maggio alle ore 21 presso la biblioteca di Pioltello

La voce dei poveri, la voce del popolo

bdrIl 24 marzo 1980 Oscar Arnulfo Romero, arcivescovo di San Salvador, fu assassinato mentre celebrava l’eucaristia. Il mondo ne restò sconcertato, ma per i salvadoregni non fu una sorpresa: la sua, infatti, era una morte annunciata.

La storia di questo omicidio e con lui la storia di questi decenni del popolo salvadoregno è stata raccontata nei particolari da don Alberto Vitali, su invito delle Acli di Limito lunedì 7 maggio. Don Alberto è un noto conoscitore di Romero e si è recato spesso nei luoghi in cui ha vissuto fino a  scriverne un libro che ne racconta la storia “Pastore di agnelli e lupi”.

Oscar Arnulfo Romero da alcuni anni si era trasformato nella “voce di denuncia più lucida e attendibile del paese”; punto di riferimento obbligato per chi volesse capire che cosa stesse davvero succedendo e il solo capace di rendere la dignità rubata a migliaia di vittime, che mai sarebbero passate alla storia.

Monseñor-Romero-sparo-2La sua omelia domenicale era ascoltata via radio da tutto il paese, unico metodo di comunicazione e di denuncia della brutale repressione del governo. Il giorno prima dell’omicidio aveva lanciato il suo monito invitando apertamente gli ufficiali e tutte le forze armate a non eseguire gli ordini, se questi erano contrari alla morale umana. Disse: «Io vorrei fare un appello particolare agli uomini dell’Esercito e in concreto alla base della Guardia Nazionale, della Polizia, delle caserme: Fratelli, appartenete al nostro stesso popolo, uccidete i vostri stessi fratelli contadini; ma rispetto a un ordine di uccidere dato da un uomo deve prevalere la legge di Dio che dice “Non uccidere”. Nessun soldato è tenuto ad obbedire ad un ordine contrario alla Legge di Dio. Vi supplico, vi chiedo, vi ordino in nome di Dio: “Cessi la repressione!”»

IMG_20180508_153532Il suo omicidio aprì una porta sul baratro per il piccolo paese centroamericano: più di ottantamila morti, tra uccisi e desaparecidos, in dodici anni di guerra civile.
Per comprendere la figura di Romero è necessario guardare anzitutto al suo popolo.
Lui, infatti, non sarebbe mai diventato profeta se non gli fosse toccato d’essere vescovo di un popolo profetico già prima di lui.
E non avrebbe mai avuto il coraggio di arrivare fino al martirio, se non gli fosse toccato d’essere vescovo di un popolo martire, molto più di lui.
Don Alberto ha concluso  augurando che con la canonizzazione Romero non diventi un “santino”, un esempio di spiritualità avulsa dalla storia ma esempio capace di lasciarsi modellare dalla storia. La canonizzazione di mons Romero avverrà entro fine anno e verrà annunciata a breve da Papa Francesco. Complimenti alle Acli per aver creato la possibilità di raccontare in città la storia di questo martirio contemporaneo rimasto impresso negli occhi di molti di noi.

Romero: voce di un popolo senza voce

Una serata sulla figura di Oscar Romero, arcivescovo  salvadoregno assassinato il 24 marzo del 1980 sull’altare dagli squadroni della morte. La figura e la passione di Romero per il suo popolo non si è mai spenta e tuttora vive. Di questo si parlerà lunedì 7 maggio presso le Acli di Limito in una serata a lui dedicata dal circolo locale

limito